Borse di studio da 790 euro per studiare il francese a Parigi

Vi piacerebbe imparare il francese ed essere persino retribuiti per farlo? L’IRSE, Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia offre una simile opportunità: 1 mese di corso di lingua Parigi completamente gratuito, con in più una borsa di studio del valore di 790 euro per coprire le spese di vitto e alloggio.
L’offerta, messa a disposizione dal Governo francese, è aperta a giovani studenti universitari che abbiano bisogno di imparare o affinare la propria conoscenza della lingua francese, a tutti i livelli, per necessità di studio, di ricerca o per implementare progetti professionali.
I corsi, della durata di un mese, si svolgeranno a luglio e agosto presso l’Istituto Cattolico di Parigi. Oltre alla borsa mensile di 790 auro, l’offerta copre le spese del corso e dell’assicurazione.
Per sfruttare questa bella offerta mandate una email di candidatura entro le ore 18.00 dell’11 Maggio 2015 all’indirizzo [email protected] Maggiori informazioni possono essere reperite sul sito dell’IRSE oppure contattando telefonicamente il servizio Scopri Europa al numero 0434365326 (orario di apertura: Venerdì e il sabato dalle ore 15.00 alle 18.00; Martedì dalle ore 16.00 alle 19.00).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini sui fatti di Bologna: "Aggredita da 50 squadristi. Non ci fermeremo"

Next Article

La Rassegna stampa di lunedì 27 aprile

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.