La rassegna stampa di lunedì 08 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Corriere della Sera – Perché i ragazzi non sanno l’inglese – I giovani italiani tra gli 11 e i 14 anni sono i ragazzi europei che più studiano l’inglese, ma da adulti, siamo uno tra i popoli con minori competenze in lingua straniera. Le ragioni di un gap che condanna i nostri giovani a subire la concorrenza dei pari età stranieri.
La Repubblica – La storia scritta solo dai maschi: “Guerra e potere, roba da uomini” – Scoppia la polemica nel Regno Unito dopo la pubblicazione dei 50 libri di storia più venduti lo scorso anno che vede il contributo di sole 4 donne. Secondo il Guardian, il maschilismo insito in un simile risultato è frutto del retaggio culturale che vede nelle vicende storiche solo “questioni da uomini”.
Il Sole 24 Ore – Negli Atenei, le entrate calano del 15% – Le università statali hanno perso il 15% dei loro introiti negli ultimi 5 anni: una crisi peggiorata ulteriormente dal contributo che gli Atenei ricevono dal Governo sceso di oltre un miliardo di euro. Nello stesso periodo, le spese delle università si è dovuto contrarre di oltre il 10%.
Libero quotidiano – “Scaverò per arrivare fino al centro della Terra” – Anche un ricercatore dell’Università di Pavia nel team di geologi impegnanti nel bel mezzo dell’oceano indiano, nella missione che punta a raggiungere il centro della Terra, a 5,5 km di profondità, sulle orme di Jules Verne.
Italia Oggi – La ricerca non resta a secco – Entro metà Aprile arriverà un bando da 100 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca e innovazione scientifica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Settis sull'Anvur: "Metodo che può uccidere la ricerca universitaria"

Next Article

Borse di studio per imparare il francese in Belgio destinate a studenti e laureati italiani

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).