Borse di studio per imparare il francese in Belgio destinate a studenti e laureati italiani

Borse di studio del Ministero degli Affari Esteri per seguire corsi di francese in Belgio dedicate a futuri docenti e studenti universitari. Vitto, alloggio e trasferimento in Belgio completamente gratuiti.
Il Mae, in convenzione con il Governo belga, ha aperto le selezioni per conferire 4 borse di studio estive dedicate a giovani che intendano diventare professori di lingue e studenti universitari con buona competenza in francese.
Nello specifico, possono candidarsi alle borse del Ministero degli Affari Esteri i futuri insegnanti di francese lingua straniera, in possesso di una laurea specialistica e di una conoscenza della lingua francese corrispondente almeno al livello B2 del QCER – Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue; e gli studenti universitari e laureati di specialistica in qualsiasi disciplina, in possesso di una conoscenza della lingua francese corrispondente almeno al livello A1 del QCER.
Le borse hanno durata di tre settimane e potranno essere utilizzate per seguire corsi nel periodo compreso tra il 14 luglio e il 4 agosto (per i docenti o futuri docenti che insegnano il francese come lingua straniera, presso l’Université Catholique de Louvain); o dal 15 luglio al 6 agosto (per i corsi di perfezionamento della lingua francese, presso l’Université Libre de Bruxelles).
I borsisti riceveranno vitto e alloggio gratuito e non dovranno pagare le spese di iscrizione ai corsi promossi dalle Università di Bruxelles e di Lovanio.
La scadenza per partecipare al conferimento delle borse del Mae è fissata all’11 marzo. Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina del Ministero degli Affari Esteri dedicata alle opportunità di studio e formazione all’estero. A questo link, invece, potete scaricare il bando ufficiale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 08 febbraio

Next Article

Cnr, create particelle di luce ad area nulla: strada aperta ai computer quantistici del futuro

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.