La rassegna stampa di giovedì 24 marzo

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Repubblica – “Tre borse Erasmus intitolate alle ragazze. Così il loro viaggio europeo continuerà” – la proposta del rettore dell’Università di Firenze per ricordare a dovere la memoria delle studentesse scomparse nel tragico incidente d’autobus in catalogna, durante la loro esperienza Erasmus.
La Stampa – Scuola, causale troppo lunga. Il concorso diventa un rebus – Una causale troppo lunga e il rischio di aver pagato un bollettino inutile: la difficoltà segnalata da numerosi aspiranti docenti che temono di aver compilato in maniera errata il bollettino necessario ad accedere al concorsone che porterà in cattedra oltre 63 mila nuovi prof.
Libero quotidiano – Fox mette in gara le università con il Premio marketing – saranno 29 le università in gara per il premio promosso dal gruppo televisivo Fox Italia: gli studenti al di sotto dei 30 anni dovranno cimentarsi su un caso di studio legato al mondo televisivo.
La Repubblica – Il corso anti droga lo fa Scientology. La scuola si ribella – Sta sollevando un polverone la scoperta al liceo Virgilio di Roma, dove una fondazione americana strettamente collegata a Scientology avrebbe ottenuto l’incarico di tenere un corso sulle droghe. Immediata la sospensione del servizio da parte della preside dell’Istituto; dalla “Chiesa” americana si difendono: “Mai cercato di fare proseliti nelle scuole”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I vincitori dei Grant Erc scendono in campo: "Le nostre proposte per rilanciare la ricerca in Italia"

Next Article

I classici della letteratura per gli scansafatiche: migliaia di pagine riassunte in 1 riga

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"