La rassegna stampa di giovedì 06 agosto

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Manifesto – “Renzi ricatta una generazione di docenti” – Le lettere di migliaia di docenti inviate alle redazione de Il Manifesto si concentrano tutte sullo stesso argomento: la mobilità come scelta forzata pur di uscire dal meccanismo del precariato rischia di diventare un vero e proprio ricatto.
La Repubblica – La fine del monopolio di Oxford e Cambridge: “I talenti? Non solo qui” – Il Times spezza la routine che vede i due storici atenei inglesi come gli unici a garantire un posto di lavoro e l’eccellenza della didattica ai loro iscritti. Che si stia andando verso l’abolizione delle tanto contestate classifiche delle Università?
La Repubblica – Sapienza, boom di stranieri. Dall’estero 40% in più – Aumentano in modo vertiginoso le iscrizioni di studenti provenienti dall’Europa e da tutto il mondo che desiderano frequentare l’Ateneo romano (il più grande d’Europa).
La Stampa – Ecco la legge sull’autismo. Cure garantite e più ricerca – Il Senato ha approvato la nuova legge in materia di autismo: i punti nodali prevedono l’assistenza garantita a tutti e maggiori investimenti nella ricerca.
Panorama – Impariamo dalla Silicon Valley d’Israele – Investimenti, coraggio e ricerca: le chiavi del successo di Israele e dei suoi programmi tecnologici potrebbero essere gli spunti cui il nostro paese dovrebbe guardare per rilanciare economia e innovazione made in Italy.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità di lavoro in Belgio per infermieri professionisti: stipendio da 3.100 euro

Next Article

Fondazione Canon: borse di studio in Giappone per laureati e ricercatori

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).