La nuova governance firmata CRUI

dsc00222.JPGGovernance, governace, governance. Non c’è argomento che stia più a cuore agli atenei italiani. Ed è per questo che lo scorso 28 gennaio la giunta della Crui ha dato vita a un documento che riorganizza le dinamiche del governo delle università. Il punto cruciale su cui si pone l’attenzione è la durata del mandato rettorale.
Gli anni che un docente può passare sullo scranno più alto sono stabiliti dai singoli statuti. Ma è noto che negli ultimi anni spesso sono state apportare modifiche proprio per aggirare questi limiti autoimposti. Ultimo caso proprio quello del rettore Decleva, presidente della Crui: poiché il suo mandato è in scadenza, qualche settimana fa lo statuto è stato modificato per consentire una proroga alla carica quando si ricoprono altri incarichi che altrimenti decadrebbero.
La proposta della giunta prevede “una carica per non più di due mandati di quattro anni ciascuno, ovvero di sette anni con un unico mandato”. Ma la riforma della governance si pone anche un’altra questione: quella del ruolo dei consigli di amministrazione e dei senati accademici. Spesso infatti sono l’uno la fotocopia dell’altro, sia nella composizione che nei compiti. L’idea è quella di un cda “di una composizione più stretta con una presenza di soggetti esterni” per un totale di circa 20 persone contro le 30 attuali; mentre per il Senato la Crui parla di 30 membri contro i circa 40 di oggi. Per quanto riguarda i ruoli invece il cda si occuperà più specificamente della definizione degli obiettivi, programmazione amministrativa, finanziaria e patrimoniale, ripartizione delle risorse attivazione dei corsi di studio; il senato invece avrà un ruolo di valorizzazione delle attività scientifiche e didattiche oltre che di rappresentanza della comunità accademica.
Ora la proposta dovrà essere approvata dall’assemblea intera il prossimo 19 febbraio e quindi diventare la base di discussione per un confronto con il governo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Cina si incontra a Tor Vergata

Next Article

Matematica, il grande gioco dei numeri

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.