Prima prova della maturità

Dopo mesi di preparazione, il countdown è iniziato e l’esame di maturità è alle porte. Attenzione ai “falsi” test e alle “false testimonianze”.

Dopo mesi di preparazione, il countdown è iniziato e l’esame di maturità è alle porte. Ci uniamo alle raccomandazioni di docenti, presidi e agli altri media di fare bene attenzione ai “falsi” test e alle “false testimonianze” che girano indisturbati nella rete.
Calma e concentrazione sono le parole chiave per affrontare ogni prova con sicurezza e determinazione.  La maturità è una prova importante che deve essere gestita con consapevolezza, ma senza eccessiva emotività o aspettative; un primo traguardo formativo, non solo dal punto di vista educativo, ma anche personale.
La prima prova rappresenta il primo approccio con l’esame, dunque preparatevi con calma e serenità, dalla prima colazione all’abito che indosserete dovrà essere in armonia con voi stessi e infondervi equilibrio e una sana dose di adrenalina.
A seconda della vostra disposizione opterete per le quatro tipologie di tema; l’importante sarà dedicare le ultime due ore dell’esame  ad un’accurata revisione del testo.  Allontanate da voi ogni forma di frenesia, il tempo a disposizione c’è, ed è dalla vostra parte.
Gettiamo uno sguardo alle diverse tipologie.
Tipologia A: analisi del testo, vi consente, se la letteratura vi appassiona, di esprimere la vostra preparazione e brillantezza letteraria. L’esaminatore vi sopporrà uno i più testi di prosa e poesia, accompagnati da quesiti interpretativi. Vi consigliamo di redigere una scaletta: parafrasi del brano, commento e approfondimento critico.  Conoscenza, capacità di analisi e giudizio personale sono gli “ingredienti” vincenti.
Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale. Il saggio comporta conoscenze tecniche ad ampio raggio e richiede un punto di vista originale e specifico, evitate luoghi comuni, generalizzazioni o argomenti che risentono dell’uso-abuso.  Allo stesso modo, l’articolo di giornale dovrà presentare un aspetto fresco e immediato, con un linguaggio semplice e lineare, frasi brevi e concise, utilizzando la formula anglosassone: “raccontare cosa è successo e ad opera di chi, quando è sucesso e perché è successo. Non di deve “inventare”, ma riportare l’attualità senza alterazioni o infingimenti.
Tipologia C: argomento storico. Conoscenze storiche, capacità di analisi e di valutazione dei fatti storici sono gli elementi che vi supporteranno in questa prova. Fondamentale sarà contestualizzare l’evento in un quadro spaziale e temporale più ampio, senza uscire fuori tema. Quest’ultima regola è da tenere presente per ognuna delle quattro tipi di scrittura.
Tipologia D: tema generale Il tema “generale” presenta un’insidia a cui sfuggire: l’assenza di una traccia specifica può condurvi  a una scrittura vaga, poco sostanziale.  Dovrete riflettere ed evitare ogni “falso accesso”.  Non abusate del margine di libertà che vi si propone, scegliete una tematica che vi sta particolarmente a cuore, di cui siete in grado di argomentare in modo originale e critico.  In questo modo, sarete facilitati ad esprimere le vostre idee con padronanza. Un’accurata sintassi vi aiuterà nell’esposizione.
Dunque, ragazzi, non ci resta che augurarvi in bocca al lupo e buon lavoro e ricordarvi che, se la maturità è prossima, lo è anche il meritato riposo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quadrifoglio: progetto di legalità

Next Article

Scrivere, che passione

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".