Quadrifoglio: progetto di legalità

Presso l’Unione industriali di Napoli in Piazza dei Martiri, incontro dal titolo: “Quadrfoglio 2: Un’opportunità per i giovani di aree a rischio”.

Questa mattina presso l’Unione industriali di Napoli in Piazza dei Martiri si terrà un incontro dal titolo: “Quadrfoglio 2: Un’opportunità per i giovani di aree a rischio”.
Finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, promosso dall’Unione industriali ed in concertazione con la Curia arcivescovile e l’Amministrazione Provinciale di Napoli, il progetto Quadrifoglio, giunto alla seconda edizione, fu realizzato da Italia Lavoro S.p.A. con lo scopo di attivare percorsi di lavoro concreti e generare speranza nella legalità. Inoltre, per questo 2010, Quadrifoglio attuerà tirocini retribuiti e bonus all’assunzione.
L’incontro di questa mattina alle ore 11.00 sarà proprio l’occasione per mostrare tutte le attività previste in quest’anno. Saranno presenti tra gli altri: Giovanni Lettieri Presidente dell’Unione industriali, Michele Raccuglia Responsabile Campania – Calabria di Italia Lavoro, Mario Mattioli Vice Presidente dell’Unione Industriali alla Formazione e Rapporti con l’Università e Marilù Galdieri Assessore al Lavoro dell’Amministrazione Provinciale di Napoli.
Infine, il Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe e il Sottosegretario al Lavoro delle Politiche Sociali Pasquale Viespoli, chiuderanno la mattinata con i loro interventi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Novita dal MIUR: test INVALSI e materie in inglese

Next Article

Prima prova della maturità

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"