La logistica unisce Italia e Russia

russia.jpgItalia e Russia accorciano le distanze. E lo fanno sul tavolo della formazione. È stato presentato ieri il primo titolo in comune tra i due paesi. Si tratta di un master biennale in logistica organizzato dall’Accademia del lavoro e delle relazioni sociali di Mosca in collaborazione con l’Ailog (Associazione italiana di logistica) e sponsorizzato da importanti aziende italiane come Merloni, Dalmine, Ferrero e Fata Logistics (Finmeccanica).
Il master – che prevede lezioni in italiano, russo e inglese e corsi intensivi di lingua – punta a formare dei manager specializzati in logistica che possano assistere le piccole e medie imprese italiane che operano sul territorio russo.
“Lo sviluppo delle piccole e medie imprese, orgoglio dell’economia italiana, è una priorità se si vuole diversificare l’economia. Non c’è inoltre bisogno di citare illustri economisti come Friedman e Becker per sottolineare quanto sia importante al giorno d’oggi lo sviluppo delle risorse umane per accrescere la competitività aziendale”, ha affermato l’ambasciatore d’Italia a Mosca, Vittorio Claudio Surdo.
Al master potranno iscriversi al massimo 25 studenti russi e italiani già in possesso di una laurea di durata almeno triennale. Le tasse universitarie ammontano a 3.500 euro all’anno. Il ministero italiano dello sviluppo economico prevede l’erogazione di alcune borse di studio per gli studenti italiani che si iscriveranno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

280 animatori sulle piste con Valtur

Next Article

Istituto Montecelio, una realtà eccellente

Related Posts
Leggi di più

“Il prossimo ministro dell’Istruzione? Dovrà eliminare le teorie gender dalla scuola”

La vittoria di Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni alle elezioni di domenica scorsa spinge le forze conservatrici a chiedere un'inversione di rotta sul tema dei diritti e dell'uguaglianza sessuale a scuola. L'associazione Pro Vita chiede che il nuovo inquilino di Viale Trastevere sia contrario "a qualsiasi colonizzazione ideologica gender e Lgbtqia+".