La lista delle università che riaprono e come

Il Sole 24 Ore h pubblicato un riepilogo delle università che riaprono dopo il 18 maggio. Il quotidiano spiega che le modalità di svolgimento di lezioni, esami e sedute di laurea proseguiranno online quasi ovunque fino alla fine della sessione estiva. In attesa della fase 3 di settembre, quando si potranno valutare gli effetti dei 300 milioni per gli atenei attesi nel Dl Rilancio (ex decreto aprile-maggio).

I primi 70 servirebbero ad aiutare gli studenti in pieno digital divide e si andrebbero ad aggiungere ai 50 milioni stanziati dal “cura Italia”. A questi si aggiungerebbero circa 140 milioni per il diritto allo studio, che il ministro vorrebbe usare in tre direzioni: innalzare la no tax area da 13 a 20mila euro; ridurre le tasse agli studenti con Isee tra 20 e 30mila euro; aiutare in maniera mirata le famiglie oltre quella soglia che sono state colpite dalla crisi. Strettamente collegato al precedente è poi il rifinanziamento di 40 milioni del fondo integrativo statale per le borse di studio (e altrettanti ne arriverebbero dalle regioni). In totale Manfredi pensa di portare da 300 a 500mila i beneficiari della no tax area e di assicurare uno sconto sulle tasse ad altri 200mila universitari. Senza dimenticare il quarto e ultimo filone di intervento (i dottorati di ricerca, che incasserebbero 20 milioni con cui prorogare di due mesi i contratti scaduti).

lista università riaprono e come
La lista delle università che riaprono e come (Il Sole 24 Ore, 11 maggio 2020)

I nuovi interventi arrivano a una settimana dall’avvio della fase 2 anche per il sistema universitario. Il quadro che emerge da una ricognizione sulle pagine web dedicate al Covid-19 dai singoli atenei si presenta a macchia di leopardo. Se l’apertura dei laboratori, almeno al personale docente, è scattata in tutta Italia o scatterà a breve (è prevista per oggi nelle università di Parma, L’Aquila, dell’Insubria e nei principali atenei siciliani) il quadro delle scelte per la didattica è più variegato. Fermo restando che le lezioni continueranno a viaggiare online fino a settembre, nella direttiva inviata nei giorni scorsi ai rettori il ministro Manfredi auspicava che esami e sedute di laurea potessero tornare in presenza già da luglio. E invece molti atenei hanno già deliberato che si continuerà a esaminare e far laureare i ragazzi da remoto per tutta la sessione estiva (fissata, a seconda dei casi, per il 31 luglio o il 31 agosto), come testimonia la presa di posizione congiunta di tutte le università lombarde pubbliche e private.

Ma ci sono anche rare eccezioni come la Sapienza che punta a esami in presenza per piccoli gruppi a inizio luglio o Palermo che conta di ricominciare di persona le prove scritte già dal 1° giugno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

“PREMIO ASIMOV” 2020 PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA: 19 STUDENTI PUGLIESI IN FINALE

Next Article

#iorestoacasa, la ‘ricetta’ degli studenti universitari per l’ulteriore riduzione delle emissioni

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".