La gravidanza deforma i piedi

piedi grandi in gravidanzaLa gravidanza deforma i piedi, che diventano più lunghi e più larghi nel 60-70% dei casi. A dirlo è una ricerca dell’Università dell’Iowa pubblicata sull’American Journal of Physical Medicine and Rehabilitation.

Il peso acquisito durante la gestazione causerebbe i piedi piatti. Confermata così una delle più comuni sensazioni delle donne che hanno avuto un bambino.
“Avevo già sentito di donne che segnalavano variazioni del loro numero di scarpe con la gravidanza, ma non trovai nulla al riguardo su riviste mediche o nei libri di testo. Al fine di studiare questo fenomeno più scientificamente, abbiamo misurato i piedi delle donne all’inizio della gravidanza e cinque mesi dopo il parto. Abbiamo così scoperto che la gravidanza in effetti porta a modifiche permanenti nei piedi”, ha detto Neil Segal, professore associato di ortopedia e riabilitazione alla UI.

Il team di ricercatori coordinato dal dott. Segal ha analizzato 49 casi, raccogliendo i dati relativi all’arco del piede della donna, alle misure e alle dimensioni durante il primo trimestre e poi cinque mesi dopo la nascita dei loro figli.

Già due minuti dopo il parto, si sono verificate variazioni nell’altezza e nella rigidità dell’arco del piede. Inoltre, si è scoperto che ad una minore altezza corrisponde un maggiore allungamento del piede.

Il fenomeno riguarda soprattutto la prima gravidanza. “E’ possibile che questi cambiamenti del piede che si verificano durante la gravidanza possano aiutare a spiegare perché, rispetto agli uomini, le donne siano a maggior rischio di dolori o artrite ai piedi, ginocchia, fianchi e vertebre”, ha detto il dott. Segal.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ore in meno a scuola, Profumo chiarisce: "Nessuna decisione è stata presa"

Next Article

A Padova gli studenti diventano giornalisti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".