La giustificazione di un papà per il ritardo della figlia a scuola: "Siamo stati al live di Springsteen"

Una giustificazione a dir poco originale, e sicuramente molto onesta, quella scritta da un genitore per il ritardo a scuola della figlia dodicenne: “Siamo andati al concerto del Boss, Bruce Springsteen, ieri sera: è stato epico, ma alla fine abbiamo fatto tardi”.
A riportare la notizia è il New York Post: il genitore, Patrick Pipino, di Saratoga Springs, ha inviato la sua lettera per spiegare il ritardo della figlia Isabelle, il giorno successivo il concerto del Boss e della sua E Street Band:
“A chi fosse interessato. Per cortesia, perdonate il ritardo odierno di Isabelle a scuola – scrive Patrick – Per amore di onestà, sento il dovere di essere sincero con voi tutti sulle motivazioni di questo fatto. La scorsa notte Isabelle è stata così fortunata da vedere live Bruce Springsteen con la E Street Band ad Albany e, cavolo lui ha suonato per tre ore e mezzo.
Probabilmente non vi sembrerà una buona scusa, ma vi siete mai chiesti quanti bambini sarebbero in ritardo o non verrebbero a scuola se, all’improvviso, apparisse Dio? Beh, questo è qualcosa del genere”.
E ora che il Boss arriverà in Italia per le due date di Milano e Roma, chissà che qualche genitore nostrano non decida di imitare quanto fatto da Patrick.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Polimi e Bicocca insieme per salvaguardare "L'ultima cena" di Leonardo

Next Article

"Le studentesse vogliono contare1 Il mese delle Stem": la campagna Miur per avvicinare le ragazze alla scienza

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".