La crisi spegne i giovani: niente sport, cultura e tempo libero

giovanicrisi
In Italia la crisi economica sta spegnendo i sogni dei ragazzi sul proprio futuro  e ha costretto  a tagliare le spese: da quelle per il tempo libero (69% adolescenti e 86% genitori) all’aqcuisto di vestiti, scarpe e accessori (68%-75%), dall’iscrizione alle attività sportive e ricreative (35%-45%) alla partecipazione alle gite scolastiche (22% speculare).
Inoltre quasi un genitore su tre (31%) ritiene di non poter pagare l’università ai figli, mentre per il 17% dei ragazzi (il 21% dei genitori) le vacanze non ci sono più. Sono alcuni dati che emergono dalla ricerca ‘Le paure per il futuro dei ragazzi e genitori italiani‘ realizzata da Ipsos per Save the Children attraverso la quale l’organizzazione ha interpellato direttamente i ragazzi e i loro genitori per capire il loro punto di vista sulla situazione attuale, sull’impatto della crisi economica, su quello che si aspettano dal domani.
La ricerca è stata presentata oggi in occasione del lancio della campagna di Save the Children ‘Allarme infanzia’. In altalena fra la paura per il futuro, irto di molte più difficoltà rispetto a quelle incontrate dai genitori (per il 17% degli adolescenti), al punto da temere di non farcela (6%) – e un certo ottimismo proprio dell’età, che fa pensare loro che la riuscita nella vita dipenda da loro stessi (37%). In mezzo i ‘consapevoli’ ma animati da giovanile energia, cioè coloro che temono di incontrare varie difficoltà ma che “troveranno il modo di cavarsela” (13%). Tra i genitori più diffuso il pessimismo: ben il 31% ha paura che i propri figli incontreranno molte difficoltà in più rispetto alle proprie (il 4% ha addirittura molta paura che non ce la faranno) e solo il 16% degli adulti pensa che i propri figli riusciranno a realizzare i propri sogni e ad avere una vita migliore della propria.
Un futuro anche lontano e altrove geograficamente: il lavoro dei sogni – lo dichiara 1 ragazzo su 4 – potrebbe richiedere il trasferimento all’estero, visto come opportunità o come ripiego. Ma il lavoro dei sogni potrebbe anche restare un sogno: per il 27% delle ragazze e ragazzi italiani (28% dei genitori) “con la situazione che c’è dovrò considerarmi fortunato se avrò un lavoro”.
Due terzi dei genitori dichiarano di avere in qualche misura dovuto fare i conti con la crisi (66%). La percentuale sale tra i ragazzi, probabilmente perché la congiuntura economica negativa si traduce per loro in molte rinunce, piccole e grandi, che ne amplificano l’impatto. Otto adolescenti su 10 hanno infatti dichiarano di aver dovuto tagliare qualcosa: per il 69% si tratta delle spese per il tempo libero – cinema, discoteca, pizza con gli amici (secondo i genitori ben l’86%) – per il 68% è l’acquisto di vestiti, scarpe e accessori (75% per i genitori).
Ma la crisi limita anche importanti opportunità educative e di crescita: per il 35% l’iscrizione ad attività sportive e ricreative (45% dei genitori), seguito dalla partecipazione alle gite scolastiche (22%, dato speculare anche per i genitori) e dall’acquisto di libri il 12% (23% per i genitori). E povertà economica, spesso significa anche povertà d’istruzione: uno smacco per tanti genitori, eco di un passato che sembrava alle spalle, è l’ammissione – per il 31% di madri e padri – di non poter pagare l’università ai propri figli, i quali dovranno trovarsi un lavoro per contribuire alle spese (secondo il 22% dei genitori intervistati), oppure bisognerà fare un prestito (9%).
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eps8, la proteina che potrebbe sconfiggere l'autismo

Next Article

Si fa asportare la prostata per prevenire il cancro. E' l'effetto Jolie

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

a mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.