La beffa dei giovani che lavorano a partita IVA

primacasa

Francesco ha 27 anni, è un brillante pubblicitario e ha già firmato alcuni progetti per grosse multinazionali.
Ma lavora a partita Iva ed ha un limite, quello imposto dal cosiddetto regime dei minimi e superminimi, regolamentato da una normativa introdotta dal governo Berlusconi. I neo professionisti, cioè, hanno potuto avviare le loro attività pagando meno tasse – con un vincolo, però: quello di non poter superare i 30mila euro l’anno.

Una premessa necessaria per capire la storia di Francesco: “Sono considerato bravo nel mio lavoro, ho firmato campagne pubblicitarie anche importanti e adoro questo mestiere. Il primo anno non ho superato la soglia perché, avendo aperto la partita a marzo, non ho pagato i primi tre mesi dell’anno”.

Per questo, nel 2011, per rimanere entro la soglia dei 30mila euro, ha deciso di non fatturare niente. “Chiedevo ai clienti di non pagarmi. A Natale, ero sotto di 500 euro sul conto. Poi, a gennaio, ho fatto 20mila euro di fatture e mi sentivo male. Avrei voluto solo stare tranquillo, pagare le tasse e godermi i guadagni”, ha detto.Perché?

Perché, superando la soglia dei 30mila euro di fatturato almeno del 50%, i benefici garantiti dalla normativa svanirebbero. Si passerebbe al regime fiscale ordinario. E’ un problema anche di giornalisti freelance, architetti e psicologi, che devono scegliere se guadagnare meno oppure fatturare più di 30mila euro.

Una giornalista di Roma ha raccontato: “Nel 2012, ho guadagnato 27mila euro perché oltre al mio impiego principale ho anche un contratto di collaborazione con ritenuta d’acconto per un settimanale, un contratto a progetto con una deputata, un contratto di collaborazione con una rivista ebook. E’ un gran casino. Per avere una vita economica dignitosa, tengo il piede in più staffe.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gara di progetti sulla Previdenza, premio per gli universitari

Next Article

Leonardo Di Caprio pazzo della sigaretta elettronica

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"