Italiani, popolo di Facebook

l popolo di Facebook abita un vero e proprio stato virtuale con 400 milioni di abitanti- utenti, secondo per popolazione, solo alla Cina e all’India. Gli Italiani, brava gente, sono sempre più presenti nel social network per antonomasia.

Il popolo di Facebook abita un vero e proprio stato virtuale con 400 milioni di abitanti- utenti, secondo per popolazione, solo alla Cina e all’India.
A differenza delle reali nazioni di appartenenza, i cittadini dei social network hanno (teoricamente) più di 13 anni, risiedono in tutto il mondo, hanno culture, lingue e costumi diversi tra loro, non sono suddivisi per censo, caste o posizioni sociali e lavorative, esercitano i propri diritti attraverso un computer, un mouse e una tastiera e hanno un unico scopo: comunicare e condividere informazioni.
Partecipazione a questo stato “sovranazionale”. secondo l’ultima rilevazione dell’Eurispes, in ampia portata anche gli Italiani.
Sono il 44,2% dai 18 anni in su. Un dato che segna una crescita del 13,5% rispetto al 2009 (30,7%). Ma la popolarità della creazione di Zuckerberg (il creatore dei Facebook). ha scavalcato anche i confini del virtuale, consacrando il social network come “fenomeno del millennio”.
Se nel 2009, il 31,2% degli intervistati italiani dichiarava di non sapere che cosa fosse, nel 2010 la percentuale si è abbassata vertiginosamente, arrivando a toccare appena l’1,1%.
Facebook, in sostanza, anche all’interno dei nostri confini nazionali, conferma la sua dimensione di fenomeno globale che riesce a coinvolge le persone in maniera trasversale
Un tempo erano i forum a catalizzare l’attenzione dei navigatori, poi venne il tempo delle chat, generaliste e divise in stanze, nelle quali prevaleva un senso di anonimato assoluto e di personalità sdoppiate all’occorrenza ed, oggi, soppiantate dai siti dedicati alla ricerca dell’amico perfetto o del partner dei sogni.
Ma i social network, successivi in ordine di tempo, si collocano ad un livello superiore e con un indice di popolarità, un ruolo multi generazionale e un’accezione tendenzialmente positiva, che né i forum, tantomeno le chat hanno mai generato in passato.
La rivoluzione dei social network, tuttora in atto, risulta per molti aspetti “totalitaria” dal momento che coinvolge non solo i siti di riferimento, ma contribuisce ad estendere la sua azione su realtà finora considerate prevalentemente “verticali”.
Per leggere il rapporto  in versione integrale, si può consultare il sito

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Nuove forme di socialità e culturalità

Next Article

Una laurea per fermare la tortura

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.