Italiani in Australia: flusso migratorio maggiore a quello degli anni ’50

italiani in australia

Gli italiani migrano in Australia come e più che negli anni ’50. Questo il dato che emerge dal Rapporto italiani in Australia 2013 pubblicato dall’agenzia Australia sola andata.

Il rapporto, che analizza l’immigrazione giovanile italiana in l’Australia fino al 30 settembre dello scorso anno, segnala come nel 2013 ben 18.610 cittadini italiani possedevano un visto di residenza temporaneo nel paese australe (visti vacanza-lavoro, studente e lavoro specializzato “457”), con un incremento del 116% negli ultimi 24 mesi e del 36% rispetto al 30 settembre 2012.

Con quasi 16 mila (15.973) visti vacanza-lavoro concessi a cittadini italiani tra i 18 e i 30 anni e un aumento del 66,4%, il 2012-13 conferma un trend di crescita che ha visto arrivare in Australia, negli ultimi tre anni, più di 32 mila ragazzi del nostro Paese.

Ma l’Italia è diventata anche la prima nazione europea per numero totale di visti studente rilasciati in loco (1.785 visti), con cifre molto maggiori rispetto a Regno Unito (1.449), Spagna (1.086) e Francia.

Moltissimi, infatti, gli studenti che scelgono di trascorrere un periodo della loro formazione in Australia:  nel 2012-13, infatti sono stati concessi ben 3.302 visti studente (aumento del 30% rispetto all’anno precedente). Negli ultimi sei anni sono stati quasi 12 mila i ragazzi giunti nella terra dei canguri.

Per quanto riguarda i lavoratori espatriati, invece, l’Italia rappresenta solo l’undicesima nazione fornitrice di professionalità e nuovi dipendenti ad aziende australiane (+24,9%), con oltre 1.700 cittadini che sono stati direttamente o indirettamente sponsorizzati da aziende australiane.

Il famoso visto “457” (permesso di lavoro in Australia) è in continua crescita per i cittadini italiani dal 2009-10, quando ne furono concessi 657, passati a 918 nel 2010-11, incrementati a 1.380 nel 2011- 12, per raggiungere le 1.700 unità nell’ultimo anno finanziario 2012-13. E sono le professioni legate al turismo e all’hospitality a farla da padrone in questo settore come i cuochi (+94,8%, rispetto all’anno precedente), i manager di Caffé e ristoranti (+199,2%) e gli Chef.

Moltissimi poi gli italiani cui viene riconosciuta la cittadinanza australiana: 924 i visti di residenza permanente concessi a cittadini italiani (+12,87% rispetto all’anno precedente). A fronte di 123.438 stranieri provenienti da 190 nazioni diverse, nel 2012-13, 694 cittadini italiani hanno ottenuto la cittadinanza australiana, lo 0,56% del totale. Dal 2001 si contano 10.078 italiani che in occasione di cerimonie ufficiali hanno acquisito la nuova cittadinanza.

Per scaricare l’intero rapporto consultate il sito Australia sola andata.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scienziati e Studenti, al via il Festival delle scienze: tutti gli appuntamenti

Next Article

Spotted all'Università: la classifica delle battute più celebri

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).