ItaliaCamp e Giffoni: “Occupazione, innovazione e investimenti nel Mezzogiorno”

Sabato pomeriggio nel corso di Giffoni Experience, ItaliaCamp, il network che collega chi ha una buona idea con quanti hanno la forza di realizzarla, e Giffoni hanno dato vita al GiffoniCamp, il barcamp dedicato a innovazione, investimenti e nuova occupazione. Esperti del mondo dell’accademia, della ricerca, delle istituzioni, delle aziende e dell’informazione regionali e nazionali si sono confrontati con i proponenti di idee e startup per individuare le vie attraverso cui investimenti in innovazione possano dar vita a nuova occupazione.

Il GiffoniCamp, che sabato ha portato nell’Antica Ramiera di Giffoni oltre 100 barcamper e solution maker da tutta Italia, è stata aperta da Paolo Russomando, Sindaco Giffoni Valle Piana e Presidente Fondazione Giffoni, Claudio Gubitosi, Managing Director Giffoni Experience e Antonio Somma, Coordinatore ItaliaCamp Campania Fabrizio Sammarco, Presidente Associazione ItaliaCamp, sottolineando l’importanza di promuovere iniziative e costruire momenti di dialogo che facciano incontrare gli attori del territorio per generare innovazione e nuove opportunità di sviluppo a livello locale, nazionale e internazionale.

In tale ottica va quindi letta la partnership tra l’Associazione ItaliaCamp e Giffoni Experience, nata nel 2013 con l’obiettivo di realizzare un hub permanente di progettualità e una piattaforma web aperta 365 giorni l’anno attraverso cui valorizzare idee innovative e promuovere appuntamenti per illustrare le best practices emerse dal territorio a finanziatori, aziende e imprenditori per poterne valutare la fattibilità e generare impatti sociali ed occupazionali positivi sul territorio campano in primis e in tutto il Mezzogiorno.

Nel corso del barcamp sono state presentate e dibattute le modalità con cui investire in innovazione in Italia e nel Mezzogiorno per agevolare la creazione di nuova occupazione. Partendo da un video messaggio di Domenico Arcuri, Amministratore Delegato Invitalia, tra le realtà partner del network ItaliaCamp, sono quindi intervenuti: Giovanni De Caro, Investor Manager Atlante Venture; Alessandra Rosati, Responsabile Ricerca e Sviluppo di BIOUNIVERSA srl, Spin-Off dell’Università degli Studi di Salerno; Antonio Prigiobbo, Direttore Vulcanicamente e Giuseppe De Nicola, Coordinatore Premio Best Practices Confindustria Salerno. Ponendo al centro la parola “innovazione”, i casi pratici hanno dimostrato come la Campania sia un territorio molto fertile in cui non mancano le idee, né i poli di innovazione, ma piuttosto una strategia condivisa per gestire la crescita delle startup.

Si è inoltre discusso il ruolo della ricerca, e quindi del trasferimento tecnologico dalle università alle aziende come via per sostenere la creazione di nuove imprese, come illustrato nel rapporto NETVAL 2014 da uno degli autori, Roberto Parente, Docente dell’Università degli Studi di Salerno e Direttore del laboratorio LISA. Sono poi intervenuti Riccardo Maiolini, Referente ItaliaCamp per “Startup Revolutionary Road”, progetto finanziato da Microsoft Youthspark e Fondazione Cariplo; Laura Caputo, Vice Presidente Regionale Gruppo Confindustria Campania e Antonio Oddati,Direttore Generale Assessorato al Lavoro Regione Campania confrontandosi sul ruolo delle imprese, grandi e piccole, nel portare nel mercato le startup, supportandone quindi le loro innovazioni.

Massimo Russo, Direttore di Wired, ha sottolineato poi come il Paese debba necessariamente scegliere se schierarsi o meno dalla parte dell’innovazione, per sostenere le realtà imprenditoriali che vogliono essere nel mercato, collegandosi agli interventi a chiusura del GiffoniCamp di Claudio Gubitosi e Luca Tesauro, rispettivamente Managing Director e Head of Innovation Hub di Giffoni Experience, per illustrare il “caso Giffoni”, best practice di innovazione nata e cresciuta a livello territoriale creando un rilevante indotto occupazionale, affermatasi a livello nazionale e esportata all’estero, grazie a: solidità del brand, innovazione e capitale umano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Decreto Cultura è legge: "E' arrivato il momento di investire in cultura e turismo"

Next Article

Paleari scrive al ministro: "L'Università non è come la Pubblica Amministrazione"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.