Paleari scrive al ministro: “L’Università non è come la Pubblica Amministrazione”

stefania-giannini

“L’Università non è come la Pubblica Amministrazione”. Stefano Paleari, presidente della CRUI, scrive una lettera al ministro Stefania Giannini. “Il rischio è la burocratizzazione dei processi. Serve un intervento specifico per competere”. 

 

“Caro Ministro,

Ti sono particolarmente grato per l’attenzione che hai voluto dedicare alla CRUI nell’imminenza della definizione dei provvedimenti di maggiore interesse per il sistema universitario che il Ministero, come da parte Tua assicurato, definirà nelle settimane prossime.

La Tua lettera testimonia l’attenzione reale del Ministero da Te presieduto alle esigenze degli Atenei con riferimento in particolare alle nuove modalità di calcolo del FFO e a molte altre istanze segnalate dalla CRUI.

Non posso non rilevare, tuttavia, come recenti provvedimenti, alcuni dei quali in fase di approvazione definitiva, malgrado lo sforzo da Te intrapreso per una loro integrazione negli assetti attuali relativi al sistema universitario, confermino una impropria tendenza all’omologazione di quest’ultimo con la Pubblica Amministrazione.

I predetti provvedimenti – con particolare riferimento a quelli riguardanti i vincoli di finanza pubblica, la revisione del modello di formazione specialistica dei medici e, da ultimo, la prevista equiparazione del trattamento di quiescenza dei professori e dei ricercatori universitari a quello della dipendenza pubblica e la necessaria revisione delle procedure di ASN – rischiano di intervenire, in modo disorganico e frammentario, sulla regolazione del sistema universitario e di limitarne (ulteriormente) l’autonomia, come noto costituzionalmente tutelata.

Il rischio, pertanto, è quello di determinare un’ulteriore e progressiva burocratizzazione delle attività scientifiche e di ricerca e di pregiudicare la sostenibilità dell’offerta formativa, deteriorando il potenziale di competitività, nazionale ed internazionale, dell’Università Italiana che rappresenta, nel panorama del Paese, l’unica Istituzione pubblica compiutamente valutata attraverso l’Agenzia Nazionale per la Valutazione dell’Università e della Ricerca.

A questo punto, un intervento normativo specifico sull’Università, nella sua unitaria e consolidata configurazione statale e non statale è, come peraltro da Te pubblicamente annunciato, urgente e indifferibile.

Nell’assicurare la più ampia disponibilità a ogni ulteriore e possibile forma di collaborazione, la CRUI auspica che la rappresentata posizione possa trovare formale accoglimento nell’imminente azione riformatrice del Governo.

L’occasione mi è gradita per inviarti i più cordiali saluti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

ItaliaCamp e Giffoni: "Occupazione, innovazione e investimenti nel Mezzogiorno"

Next Article

Dal sogno al progetto: una napoletana vola in Australia al G(irls) 20

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".