IT Security presso la KPMG

La KPMG, una delle principali organizzazioni di servizi professionali per le imprese a livello internazionale, attiva in 152 paesi del mondo con 145 mila persone, è alla ricerca per la divisione Security & IT Risk and Compliance per la sede di Roma, neolaureati con le seguenti caratteristiche…

La KPMG, una delle principali organizzazioni di servizi professionali per le imprese a livello internazionale, attiva in 152 paesi del mondo con 145 mila persone, è alla ricerca per la divisione Security & IT Risk and Compliance per la sede di Roma,  neolaureati con le seguenti caratteristiche:

– Laurea magistrale in Ingegneria Informatica/Gestionale/Telecomunicazioni
– Età massima 27 anni
– buona conoscenza dell’inglese e del pacchetto office
– preferibile l’aver sostenuto esami o tesi su temi inerenti l’ ethical hacking, vulnerability assessment, IT   security strategy, identity e access management (gestione degli accessi e delle identità)

Completano il profilo buone doti relazionali, attitudine al team working, flessibilità e disponibilità a viaggi e trasferte.

L’inserimento proposto è uno stage di 6 mesi retribuito e finalizzato ad assunzione.

Per maggiori informazioni, collegarsi al sito della kpmg

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Massimo D'Antona per il diritto del lavoro

Next Article

HR specialist in banca

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.