Premio Massimo D’Antona per il diritto del lavoro

Due premi di studio in materia del diritto del lavoro, erogati dalla Fondazione Prof. Massimo D’Antona in accordo con il Ministero del Lavoro e delle POlitiche Scoiali.

In memoria del giuslavorista Massimo D’Antona, ucciso da un commando brigatista il 20 maggio 1999,  il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha concordato un protocollo di intesa con la Fondazione Prof. Massimo D’Antona (Onlus) per l’istituzione  di due premi di studio “Massimo D’Antona”, destinati a giovani laureati  e dottori di ricerca che abbiano discusso una tesi in materia di diritto del lavoro.

I premi consistono nell’erogazione di

– Euro 4.000,00, per la migliore tesi di laurea, magistrale/specialistica o magistrale a ciclo unico (con esclusione delle lauree triennali), in materia di diritto del lavoro, discussa tra il 1° aprile 2010 e il 31 marzo 2012;

– Euro 4.000,00, per la migliore tesi di dottorato in materia di diritto del lavoro, discussa tra il 1° aprile 2010 e il 31 marzo 2012.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande scade il 20 giugno 2012.

I lavori saranno esaminati da una commissione scientifica, nominata dal ministero del Lavoro, in accordo con la Fondazione e composta da cinque membri, scelti tra professori universitari, magistrati del lavoro, dirigenti del Ministero ed esperti di comprovata fama in materia di diritto del lavoro.

Per maggiori informazioni, leggere l’avviso del bando

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Convegno ASCO. Rilevanza del test KRAS

Next Article

IT Security presso la KPMG

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.