Premio Massimo D’Antona per il diritto del lavoro

Due premi di studio in materia del diritto del lavoro, erogati dalla Fondazione Prof. Massimo D’Antona in accordo con il Ministero del Lavoro e delle POlitiche Scoiali.

In memoria del giuslavorista Massimo D’Antona, ucciso da un commando brigatista il 20 maggio 1999,  il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha concordato un protocollo di intesa con la Fondazione Prof. Massimo D’Antona (Onlus) per l’istituzione  di due premi di studio “Massimo D’Antona”, destinati a giovani laureati  e dottori di ricerca che abbiano discusso una tesi in materia di diritto del lavoro.

I premi consistono nell’erogazione di

– Euro 4.000,00, per la migliore tesi di laurea, magistrale/specialistica o magistrale a ciclo unico (con esclusione delle lauree triennali), in materia di diritto del lavoro, discussa tra il 1° aprile 2010 e il 31 marzo 2012;

– Euro 4.000,00, per la migliore tesi di dottorato in materia di diritto del lavoro, discussa tra il 1° aprile 2010 e il 31 marzo 2012.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande scade il 20 giugno 2012.

I lavori saranno esaminati da una commissione scientifica, nominata dal ministero del Lavoro, in accordo con la Fondazione e composta da cinque membri, scelti tra professori universitari, magistrati del lavoro, dirigenti del Ministero ed esperti di comprovata fama in materia di diritto del lavoro.

Per maggiori informazioni, leggere l’avviso del bando

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Convegno ASCO. Rilevanza del test KRAS

Next Article

IT Security presso la KPMG

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.