Iscrizioni on line: 1 milione e mezzo di domande completate

Sono 1.514.995 le domande di iscrizione on line alle classi prime di scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado inviate dalle famiglie. Ieri il termine ultimo per completare la procedura. Nel dettaglio, sono 1.483.104 le domande inviate alle scuole statali, 9.885 quelle inviate alle paritarie che hanno aderito al sistema delle iscrizioni on line (non era obbligatorio). Inoltre, sono 22.006 quelle inoltrate ai Centri di formazione professionale (CFP) delle Regioni che hanno deciso di usufruire del servizio messo a disposizione dal Miur. Quest’anno è la prima volta che anche i CFP sono coinvolti nella procedura. Le iscrizioni on line hanno registrato il gradimento degli utenti con una crescita rispetto al 2014 (+6,3%) di quanti le considerano “molto” utili in termini di risparmio di tempo.

“Le iscrizioni on line sono un esempio di Pubblica Amministrazione che funziona e di cui andiamo particolarmente fieri – commenta il Ministro Stefania Giannini – Il Ministero ha messo in campo tutti gli strumenti possibili per accompagnare le famiglie in questo passaggio importante che non è una semplice pratica burocratica, ma rappresenta un momento di scelta per il futuro dei propri figli. La macchina ha funzionato e lo dimostrano i dati che registrano la soddisfazione degli utenti”.
Quasi il 70% delle famiglie ha effettuato l’iscrizione on line per conto proprio, senza recarsi nelle scuole. Oltre l’80% ha fatto l’iscrizione da un proprio computer o dispositivo mobile in Liguria (80,5%), Piemonte (80,8%), Emilia Romagna (81,4%), Veneto (83,7%), Lombardia (84%), Friuli Venezia Giulia (85,6%). A richiedere maggiormente il supporto delle scuole sono stati soprattutto i cittadini del Sud.
Le iscrizioni elettroniche ottengono un gradimento crescente: il 66,3% delle famiglie trova il servizio molto vantaggioso in termini di risparmio di tempo (+6,3% rispetto al 2014), per il 23,7% lo è abbastanza. Solo il 3,7% degli utenti non ha riscontrato questo vantaggio. Per oltre il 49% delle famiglie la procedura on line è molto facile (+6,6% rispetto al 2014), per il 35,1% lo è abbastanza. Infine, oltre l’87% delle famiglie ritiene che il funzionamento del servizio on line sia stato molto o abbastanza efficiente, avendo riscontrato pochi problemi di collegamento, scollegamento improvviso o lentezza del sistema.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diritto Commerciale, esame incubo: bocciati 9 su 10

Next Article

Tesi di laurea copiata? Arriva il software anti-plagio

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".