Iqbal Masih, storia di un eroe bambino

Iqbal Masih

 

Nella giornata mondiale contro la schiavitù infantile vi raccontiamo la storia di Iqbal Masih, il simbolo della lotta contro il sistema dello sfruttamento minorile, assassinato a 12 anni

 

Iqbal Masih nacque nel 1983 in una famiglia molto povera. All’età di quattro anni già lavorava in una fabbrica di mattoni. Quando aveva cinque anni i suoi familiari si indebitarono per pagare le spese matrimoniali del primogenito e Iqbal fu ceduto a un fabbricante di tappeti per l’equivalente di 12 dollari. Fu quindi costretto a lavorare un minimo di 12 ore al giorno per sette giorni alla settimana, incatenato al telaio, con uno stipendio pari ad una sola rupia (corrispondente a pochi centesimi di euro). Cercando di fuggire, si rivolse alla polizia ma venne riportato alla manifattura e bastonato per punizione.

Nel 1992 riuscì a uscire di nascosto dalla fabbrica/prigione e partecipò insieme ad altri bambini ad una manifestazione del Bonded Labour Liberation Front, (BLLF), organizzazione fondata da Ullah Khan che ottenne nello stesso anno la promulgazione del Bonded Labor System Abolition Act. Ritornato nella manifattura, si rifiutò di riprendere il lavoro malgrado le percosse. Il padrone disse alla sua famiglia che il debito contratto anziché diminuire era aumentato a diverse migliaia di rupie, pretendendo di inserirvi lo scarso cibo dato a Iqbal, supposti errori di lavorazione eccetera. La famiglia fu costretta dalle minacce ad abbandonare il villaggio e Iqbal, ospitato in un ostello dalla BLLF, ricominciò a studiare.

Dal 1993 cominciò a viaggiare e a partecipare a conferenze internazionali, sensibilizzando l’opinione pubblica sui diritti che nel suo paese erano negati ai bambini, e contribuendo al dibattito sulla schiavitù mondiale e sui diritti internazionali dell’infanzia.

Nel dicembre del 1994 ottenne un premio (sponsorizzato da un’azienda di calzature) di 15.000 dollari, con il quale decise di finanziare una scuola nel natìo Pakistan. In una conferenza a Stoccolma, affermò che «Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite». Ricevette una borsa di studio, ma la rifiutò: aveva deciso di rimanere in Pakistan, per portare avanti la sua campagna.

Nel 1995, nella città di Lahore, partecipò ad una conferenza contro la schiavitù dei bambini. Grazie a lui, circa tremila piccoli schiavi poterono uscire dalla loro condizione: sotto la pressione internazionale, il governo pakistano iniziò infatti a chiudere decine di fabbriche di tappeti. Di sé disse «da grande voglio diventare avvocato e lottare perché i bambini non lavorino troppo».

Il 16 aprile 1995, a solamente 12 anni, Iqbal Masih venne assassinato, mentre si stava recando in bicicletta in chiesa (l’edificio era situato nei pressi della casa di sua nonna dove poi sarebbe andato) con i suoi cugini Liaqat e Faryad. «Un complotto della mafia dei tappeti» disse Ullah Khan subito dopo il suo assassinio.

La polizia pakistana attribuì il gesto ad un contadino col quale Iqbal avrebbe avuto una lite. Alcuni testimoni affermarono di aver visto una macchina (dai finestrini oscurati) avvicinarsi al ragazzo in bici. Dall’auto sarebbero poi partiti dei colpi di arma da fuoco che ne avrebbero causato la morte.

Nel 2000 fu il primo a ricevere anche alla memoria il World’s Children’s Prize, premio per i diritti dei bambini. Nel messaggio di fine anno del 31 dicembre 1997, il presidente della Repubblica Italiana Oscar Luigi Scalfaro ricordò il grande sacrificio di Iqbal Masih.

RN

Total
1
Shares
3 comments
Lascia un commento
Previous Article

Borse di specializzazione: Presidenza del Consiglio dovrà risarcire i giovani medici

Next Article

Giannini e le europee: "Candidarmi? Ci sto pensando"

Related Posts