#Iovoglioinsegnare: la battaglia di LINK

 Alla luce dell’imminente arrivo dei decreti sulla “Buona Scuola” annunciati nelle scorse settimane dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, Link- Coordinamento Universitario presenta la proposta sulla modalità di abilitazione all’insegnamento, costruita all’interno della campagna #iovoglioinsegnare con le studentesse e gli studenti universitari degli Atenei italiani.
“Nelle proposte della Buona Scuola si propone l’attivazione di corsi di laurea magistrali abilitanti dal prossimo anno accademico 2015/2016, non prevedendo forme di transizione per chi attualmente è iscritto già ad una magistrale o in prossimità di finire il percorso triennale” –dichiara Alberto Campailla, portavoce nazionale di LINK – COORDINAMENTO UNIVERSITARIO – “Domani, martedì 27 gennaio alle ore 13.00, presso la sala stampa della Camera, presenteremo una proposta sulle modalità di abilitazione che permetta di non lasciare nessuno escluso.”
Confermate per il momento le presenze dell’On. Simona Flavia Malpezzi , del Sen. Fabrizio Bocchino, dell’on. Nicola Fratoianni, dell’on. Gianluca Vacca, della segretaria nazionale della FLC CGIL Nazionale Anna Fedeli, di esponenti dell’Adi (associazione dottorandi italiani), dell’Unione degli Studenti, della Rete della Conoscenza, di Sinistra Ecologia e Libertà e del Partito della Rifondazione Comunista, ed attendiamo la partecipazione di parlamentari delle diverse forze politiche, sociali ed esponenti del Ministero dell’Istruzione.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Senato approva: gli studenti erasmus potranno votare via posta

Next Article

Accesso all'insegnamento, presentata la proposta alla Camera. LINK: "La battaglia continua"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".