Il Senato approva: gli studenti erasmus potranno votare via posta

Finalmente. E’ questa la parola che circola di più tra gli studenti. Sì, perché la giornata di ieri è stata quella decisiva: gli studenti erasmus e quelli fuori sede avranno diritto di voto. Nella discussione dell’Italicum, al Senato, è stato approvato l’emendamento del senatore PD Roberto Cociancich, che consente ai cittadini italiani che da tre mesi sono all’estero di poter votare tramite posta. La novità vale per gli studenti, ma anche chi è all’estero per motivi di salute o di lavoro.
L’emendamento è stato approvato con 235 voti favorevoli, 16 contrari e 5 astenuti. “Possono votare per corrispondenza nella circoscrizione estero, previa opzione valida per un’unica consultazione elettorale – recita l’emendamento – i cittadini italiani che, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, in un Paese estero in cui non sono anagraficamente residenti”.
“Il voto agli erasmus è una norma di civiltà”: tanti, tantissimi i commenti di soddisfazione da giovani e studenti. Anche il presidente del consiglio, Matteo Renzi, si è dimostrato compiaciuto: “Felice per i ragazzi erasmus che vincono loro battaglia” – ha scritto sul suo profilo Twitter. Insomma, dopo anni di battaglie, il risultato è stato raggiunto. Finalmente.
Raffaele Nappi
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giorno della Memoria: celebrazione in Parlamento con gli studenti

Next Article

#Iovoglioinsegnare: la battaglia di LINK

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".