Giorno della Memoria: celebrazione in Parlamento con gli studenti

Oggi, martedì 27 gennaio, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini parteciperà alla celebrazione del Giorno della Memoria alla Camera dei Deputati, nel settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz. Il programma ha inizio alle ore 10.00.
Il Giorno della Memoria sarà celebrato anche nelle scuole italiane. Il Ministro Giannini e il Presidente dell’Ucei (Unione delle comunità ebraiche italiane) Renzo Gattegna negli scorsi giorni hanno infatti inviato ai dirigenti scolastici una lettera congiunta con l’invito a realizzare “iniziative finalizzate ad una celebrazione non rituale del Giorno della Memoria, per onorare e ricordare le vittime della Shoah e riflettere insieme sui valori fondanti di una moderna società civile”. “La scuola – sottolinea Giannini – c’è e farà la sua parte nel raccogliere il testimone della memoria”.
L’Aula di Montecitorio ospiterà centinaia di studenti. Aprirà gli interventi la Presidente della Camera, Laura Boldrini. Seguiranno il contributo del Presidente dell’Ucei Renzo Gattegna, l’intervento di tre studenti e il discorso del Ministro Giannini. Chiuderà il Presidente del Senato, nell’esercizio delle funzioni del Presidente della Repubblica, Pietro Grasso che, insieme a Boldrini e Giannini premierà gli Istituti vincitori della XIII edizione del Concorso “I giovani ricordano la Shoah”. La celebrazione potrà essere seguita attraverso la web tv della Camera (https://webtv.camera.it/home).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I rettori scrivono a Renzi e Giannini: "Serve intervento concreto sull'Università"

Next Article

Il Senato approva: gli studenti erasmus potranno votare via posta

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".