Innovation Day, a Napoli riparte la cultura dell’innovazione

Innovation Day

Venerdì 4 ottobre prende il via a Napoli la seconda edizione dell’Innovation Day. L’evento, ospitato dal Renaissance Naples Hotel Mediterraneo, in Via Ponte di Tappia 25. L’iniziativa, che vuole coinvolgere giovani e studenti, l’anno scorso ha visto più di 20 associazioni protagoniste con oltre 150 partecipanti che hanno animato la giornata.

Anche quest’anno l’Innovation Day ha beneficiato dell’impegno e del coordinamento di coloro che l’hanno ideato: Pasquale Popolizio e Mario Raffa. L’Innovation Day coinvolge i giovani e gli studenti sul rapporto fra cultura del digitale e innovazione. Su questi temi si incentreranno gli interventi degli imprenditori, fondatori e gestori di nuove imprese, ricercatori e rappresentanti della associazioni del settore, e, non ultimi, gli artigiani del futuro.

La giornata inizierà alle 9.30 e sarà caratterizzata da tre momenti particolari, ognuno con una diversa prospettiva di interpretazione dell’innovazione. Alle ore 10.00 i protagonisti saranno gli artigiani del digitale e del Web. La seconda parte della mattinata, alle 11.30, verrà dedicata alle politiche che mirano a supportare le nuove imprese, soprattutto nella loro fase di inizio.

Dopo l’intervallo, alle 14.00, comincerà una lunga sessione incentrata sul Mezzogiorno e i giovani. Verrà presentato il volume di Aldo Romano Mezzogiorno 2025, ed. Cacucci, dedicato ad un bilancio delle politiche seguite su questi temi negli ultimi 20 anni; il volume fornisce anche indicazioni su come recuperare i ritardi accumulati da parte del Mezzogiorno.

In questa parte della giornata saranno, inoltre, presentati, direttamente dai protagonisti, i business plan di nuove idee di impresa, preparati da gruppi di giovani nell’ultimo anno universitario. I migliori saranno premiati da business angels, venture capitalist e altri investitori. In questa sessione verrà consegnato il premio dedicato ad Antonio Falconio messo a disposizione dalla famiglia.

Tante saranno le aziende, le organizzazioni e le associazioni di settore protagoniste della giornata: dall’Agenzia per l’Italia Digitale, alla sezione ICT dell’Unione Industriali di Napoli, dalla maggiore società italiana di software, Engineering, alla più importante associazione dei professionisti di marketing, AISM, da Nati per leggere, all’ASITOR, associazione di riferimento per i professionisti dell’orientamento, dai giovani giornalisti di Youth Press Italia, alla comunità Kublai del Ministero dello Sviluppo Economico, da Italia Startup, associazione di supporto all’innovazione, a StartupItalia!, piattaforma dedicata all’innovazione, da Vertis società di Private Equity & Venture Capital, a Stati Generali dell’Innovazione, da DeRev piattaforma per creare cambiamento e social innovation attraverso crowdfunding, a Ferpi la Federazione  Relazioni Pubbliche Italiana, da IWA Italy International Webmasters Association, a IAB Interactive Advertising Bureau principale associazione dei protagonisti della comunicazione digitale, all’Enea, e a tante altre.

Ci saranno anche momenti originali per mostrare come l’innovazione può essere declinata con ricerca, tradizione e sviluppo territoriale, con la testimonianza e le creazioni del pizzaiolo Gino Sorbillo.

Il comitato organizzatore dell’Innovation Day è composto da Peppe Contino, Rosa De Vivo, Antonio Ferrara, Dario Grande, Carlo Guardascione, Leonardo Lasala, Stefano Meer, Lucio Todisco.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web: https://www.innovationday.info

Email: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorsone: ecco tutti gli assunti. Ma le commissioni sono ancora al lavoro

Next Article

Scuola, ecco il libro digitale. Carrozza: "Una rivoluzione storica"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.