Incendio doloso all'Università "Federico II" di Napoli: ordigno in un ufficio che coordina progetti Apple

Un ordigno incendiario stamattina è stato posizionato e attivato in un ufficio del secondo piano dell’Università “Federico II” di Napoli. Un principio di incendio, di natura dolosa, è divampato in una stanza del personale amministrativo dell’università partenopea. Dall’università fanno sapere che “Non c’è stato fortunatamente nessun ferito”. 
L’innesco è stato sistemato all’interno del locale da qualcuno che, molto probabilmente, si è introdotto furtivamente negli uffici e poi si è allontanato. L’allarme è scattato alle  8:00 dopo che un custode dell’ateneo ha visto il fumo, i danni sono stati limitati e subito contenuti. Successivamente, allertate le forze dell’ordine, è stato accertato che le fiamme erano state alimentate dall’innesco: un piccolo contenitore contenente del liquido infiammabile.  Ad indagare ora sono gli agenti della Digos della questura di Napoli. Le indagini sono in corso. 

Il rettore dell’Università Gaetano Manfredi, che è stato subito informato dell’accaduto, ha detto: “E’ un fatto gravissimo”. L’ufficio in questione si occupa del coordinamento di progetti speciali, della comunicazione e dell’innovazione organizzativa ed è diretto dal professore Luciano Mayol. Il Coinor, questo il nome ufficiale, si coordina tutte le iniziative con la Apple per la iOs Academy. Stanze che custodiscono documenti sensibili e strategici per l’Ateneo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un film per appassionare gli studenti alla matematica nella giornata del "Pi Greco"

Next Article

Parma, morto suicida l'ex rettore Loris Borghi

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"