Parma, morto suicida l'ex rettore Loris Borghi

Nel pomeriggio la città di Parma è stata scossa da una tragica notizia: l’ex rettore Loris Borghi è morto suicida. Aveva lasciato la guida dell’ateneo ducale il 15 maggio scorso a seguito dell’indagine Pasimafi che lo vedeva coinvolto in quanto accusato di abuso d’ufficio. Era stato rinviato a giudizio, con la medesima accusa, in un’altra vicenda giudiziaria, ovvero la nomina della sua ex allieva Tiziana Meschi a capo del reparto di Medicina interna e lungodegenza dell’ospedale Maggiore di Parma.
“Una tragica notizia – commenta il sindaco Federico Pizzarotti – che coglie tutti di sorpresa e che ho appreso con grande e profondo sgomento. Ho avuto modo di conoscere e apprezzare Loris Borghi durante il suo mandato come rettore dell’Università di Parma. Insieme, e per la prima volta dopo diversi anni in cui il Comune e l’università hanno evitato di collaborare, abbiamo stretto un forte legame istituzionale, portando l’università e il Comune a un dialogo costante e continuo, contribuendo a far crescere entrambi attraverso progetti che tuttora stiamo portando avanti con il nuovo rettore Andrei. Sin da subito Borghi mi ha fatto una bellissima impressione: persona pacata, intelligente, pragmatica e dedita con passione al proprio lavoro. Una persona che era difficile non stimare. La notizia è terribile, drammatica, e ha un sapore davvero amaro. A nome di tutto il Comune di Parma le mie condoglianze alla famiglia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Incendio doloso all'Università "Federico II" di Napoli: ordigno in un ufficio che coordina progetti Apple

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 15 marzo

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.