In ritardo a scuola per "colpa" del Rock&Roll? La giustificazione la firma Bruce Springsteen

Cime spiegare ai prof che vostro figlio ha fatto tardi a scuola per vedere un concerto di Bruce Springesteen? Facile: basta far firmare la giustificazione direttamente al Boss. E’ quanto successo al piccolo Xabi, 9 anni, di Los Angeles.
Il bambino, accompagnato dal papà Scott, è andato al concerto di Springsteen armato di penna e cartello con scritto: “Bruce, domani farò tardi a scuola. Per favore, firma la mia giustifica”. Il Boss ha notato i due e ha chiesto loro di presentarsi nel backstage una volta terminato il concerto.
“Cara signorina Jackson, Xabi è stato fuori fino a tardi per il rock&roll. La prego, scusi me per il suo ritardo”, si legge sulla maxi giustificazione firmata direttamente dalla leggenda del Rock Bruce Springsteen, che ha poi posato per una foto ricordo con il piccolo Xabi pubblicata immediatamente sul suo profilo twitter.
Sbigottiti sia il papà del bambino che ha ammesso di voler semplicemente avere un autografo del Boss, ma che mai si sarebbe aspettato addirittura una giustificazione personalizzata, che la maestra di Xabi, la signora Jackson, appunto, che da vera appassionata di Springsteen ha commentato: “E’ senza dubbio la migliore giustifica di sempre”.
Qui sotto Xabi e Springsteen insieme nel backstage:
CdqUF67UMAAIj-d
E la giustificazione – autografo: 
Xabi_Glovsky

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'alternanza scuola lavoro si fa nei musei: Miur e Regione Toscana firmano protocollo d'intesa

Next Article

La rassegna stampa di martedì 22 marzo

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".