In diretta da Matera il Ministro Bussetti al convegno “Le scuole e il futuro aperto”

Presso l’Auditorium del Conservatorio “Raffaele Gervasio” di Matera si sta svolgendo il convegno “Le scuole e il futuro aperto”, penultimo evento di avvicinamento alla cerimonia di apertura di Matera 2019 Capitale europea della cultura, in programma il 19 gennaio 2019.
All’evento partecipano il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri, l’assessore alle Politiche di sviluppo, lavoro, formazione e ricerca della Regione Basilicata Roberto Cifarelli, la rettrice dell’Università della Basilicata Aurelia Sole e il presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019 Salvatore Adduce. Le conclusioni della giornata saranno affidate al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti.
Nel corso del convegno saranno premiate le scuole vincitrici del concorso “Premio Scuola Digitale”, saranno presentati i “percorsi culturali” ideati dagli studenti delle scuole per i visitatori di Matera e della Basilicata nel 2019 e i gemellaggi tra scuole lucane e di altre Regioni. Sarà inoltre presentato ufficialmente il sito pensato per le scuole con pagine dedicate ai progetti di Matera 2019, all’organizzazione di viaggi di studio nella Capitale della cultura 2019 (pagina gestita dal MIUR) e con un blog nel quale i ragazzi potranno raccontare le loro esperienze di viaggio a Matera.
A moderare l’evento è la giornalista del Tg1 Barbara Capponi.
L’evento è trasmesso in streaming al link https://youtu.be/y6811uCK-I8

In allegato il programma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Con Aiesec in Polonia per un progetto educativo. Scadenza prevista al 24 novembre

Next Article

Ipotesi 'sugar tax' per l'Irap ma il ministro Bussetti chiede di usarli per migliorare la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.