In Campania parte l’apprendistato duale italo-tedesco. Domande entro il 6 febbraio.

Prende il via in Campania l’intesa siglata a Napoli lo scorso ottobre tra il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero e il ministro del Lavoro tedesco Ursula von der Leyen, sul tema dell’apprendistato duale.

IMGP6026-300x225

Prende il via in Campania l’intesa siglata a Napoli lo scorso ottobre tra il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero e il ministro del Lavoro tedesco Ursula von der Leyen, sul tema dell’apprendistato duale.

L’iniziativa, denominata “The job of my life” è attuata dalla rete Eures Italia ed Eures Germania e vedrà il coinvolgimento dei servizi per l’impiego locali. I profili richiesti sono diversi: ingegneri, tecnici specialistici, tecnici informatici, addetti all’ospitalità e alla ristorazione e alle professioni sanitarie.

Il progetto è indirizzato a giovani campani con le suddette qualifiche e di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che siano interessati ad un futuro occupazionale in Germania.

Preferibile la conoscenza del tedesco, ma viene offerta la possibilità di frequentare in Italia un corso di lingua tedesca di due mesi, nonché un supporto economico per affrontare il periodo di permanenza in Germania.

L’ iscrizione per la candidatura va fatta entro e non oltre il 6 febbraio. Dal portale www.cliclavoro.gov.it, entrare nella sezione dedicata al progetto “The job of my life” e seguire le istruzioni a seconda del proprio profilo.

I curricula saranno valutati dagli Eures Adviser e i giovani individuati saranno convocati per le preselezioni che si terranno il 13, 14 e 15 febbraio 2013. Tutte le informazioni operative relative ai colloqui e al luogo verranno comunicate al momento della convocazione da parte dell’Eures Adviser.

Con le selezioni, che avvengono a valle dell’intesa italo-tedesca – ha spiegato l’assessore al Lavoro e alla Formazione Severino Nappi – diamo concreta attuazione ad un progetto ambizioso, frutto di una sinergia Governo-Regione, che offre una possibilità di lavoro e di formazione di qualità ai nostri ragazzi. Un’occasione che la nostra terra non può sprecare. La Regione ha il dovere di accompagnare questi percorsi con ulteriori iniziative a sostegno dell’istituto dell’apprendistato. I giovani devono candidarsi, scommettere su se stessi e sulle proprie competenze acquisite nel percorso formativo e scolastico”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le innovazioni nascoste si svelano al LUPT

Next Article

Disabilità: il sesso è anche un loro diritto

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.