Il salario minimo? In Europa è realtà, per l’Italia ancora un sogno

salario minimo

Il salario minimo? In Europa è una realtà, in Italia ancora un sogno. A fare il punto della situazione è una mappa a cura di Eurostat che mostra in quali Paesi europei viene garantito un salario minimo e a quanto ammonta. Si passa dai 157 euro in Romania, ai 753 euro della Spagna, fino ad arrivare ai 1.462 euro in Irlanda e ai 1.921 del Lussemburgo: in tutto sono 21 i Paesi del vecchio continente che hanno posto un minimo sotto il quale è vietato scendere nel remunerare i propri dipendenti; l’Italia, com’è noto, è una delle grandi assenti.

Una misura, quella del salario minimo, che la stessa Commissione Europea invitava ad adottare quando, in una comunicazione dell’Aprile 2012 (COM 2012 final), la definiva come strumento adeguato per “evitare l’aumento della povertà lavorativa” oltre che garantire stabilità e dignità al lavoro.

Non è un caso che alcune delle grandi potenze europee si siano mosse con forza sulla linea suggerita dalla UE: prima il Regno Unito, che lo scorso Gennaio ha annunciato l’impegno ad innalzare lo stipendio minimo da 6,31 a 7 sterline l’ora; poi quello tedesco, che ha fermato l’asticella a 8,50 euro l’ora.

“Ritengo sia un tema che va affrontato con cautela”: così si espresso sulla questione il ministro dell’Economia italiano Giuliano Poletti. Il salario minimo, infatti, in Italia è ancora lontano dall’essere una realtà. Tuttavia, recentemente, si sono aperti alcuni spiragli: “Lo abbiamo proposto come opzione in una legge delega – spiega Poletti, che poi però richiama alla cautela – Del resto, se dopo 50 anni, in Italia, il salario minimo non c’è ancora, una qualche ragione ci sarà”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini ai sindacati: "Dobbiamo avviare una stagione di programmazione del futuro"

Next Article

Barilla Good4: montepremi da 200 mila euro per i migliori progetti di sviluppo sostenibile

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.