Nuovo portale del MAE

Il Ministero degli Affari Esteri ha partecipato al Forum della Pubblica Amministrazione 2010 con una serie di interventi e presentazioni sul tema “Gestire un Network per l’Italia nel Mondo”

Martedì 18 Maggio 2010, in occasione del Forum della Pubblica Amministrazione tenutosi presso la Nuova Fiera di Roma, la Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del MAE ha presentato il nuovo sistema on-line di gestione delle borse di studio per italiani e stranieri.

Le parole chiave sono state dematerializzazione e abolizione del cartaceo: questo non significa soltanto snellimento delle procedure, ma anche e soprattutto maggiore trasparenza e democraticità della selezione grazie alla pubblicazione dei bandi delle borse di studio on-line.

Quest’anno il bando è stato indetto con due mesi di anticipo rispetto agli anni passati, il che implica una maggiore competitività rispetto ad altri paesi che offrono borse di studio a studenti stranieri. Fondamentale è stata in proposito la collaborazione delle ambasciate straniere a Roma.

Il percorso on-line per gli italiani interessati a una borsa di studio per l’estero è il seguente:

www.esteri.it > opportunità > opportunità per gli italiani > borse di studio per italiani

Da qui è possibile sia consultare l’elenco dei Paesi e Istituzioni offerenti, sia cliccare su Domande on-line per leggere le istruzioni per la compilazione della domanda e cliccare poi su Accesso al sistema. È quindi necessario registrarsi per poter compilare il modulo di domanda (anche a più riprese, salvandolo ogni volta) fino all’inserimento della domanda tra le candidature definitive, che non possono più essere modificate.

Sempre nella sezione Opportunità per gli italiani si può accedere a informazioni sui bandi dei tirocini MAE/CRUI per laureandi e neo-laureati seguendo il percorso:

Opportunità per gli Italiani > MAE > Tirocini al MAE > Tirocini MAE/CRUI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca work in progress

Next Article

Falcone e Borsellino, la scuola non dimentica

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.