Il no di Scienze Politiche a Macerata

Scienze politiche di Macerata accoglie la richiesta dei docenti ricercatori per il forte dissenso sulla manovra finanziaria.

Il Consiglio della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Macerata, nella seduta del 14 luglio 2010, accogliendo la richiesta dei docenti ricercatori, manifesta il suo forte dissenso rispetto alla manovra finanziaria in corso di approvazione, che non solo attenta ai diritti e allo statuto dei docenti, ed in particolare di quelli delle fasce più esposte, ma che, in continuità con quanto accaduto nelle scelte politiche degli ultimi anni, infligge una ferita al ruolo pubblico dell’Università come soggetto di formazione dei saperi in un momento di grave difficoltà economica e sociale per l’intero Paese.
Delibera pertanto che, in assenza di modifiche significative alla manovra finanziaria in discussione, nel prossimo Consiglio di Facoltà si decideranno le forme di protesta più appropriate, fino al blocco delle attività.
Si invita a leggere la mozione elaborata dai ricercatori di Unimc e fatta dal Senato Accademico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un aiuto per realizzare se stessi

Next Article

La Provincia di Roma sostiene gli studenti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.