La Provincia di Roma sostiene gli studenti

La Provincia di Roma si esprime favorevolmente sulla manifestazione degli studenti e docenti in merito alle sessioni notture e all’aperto degli esami. “Voglio esprimere la mia solidarieta’ ai docenti e agli studenti della Sapienza che sono stati costretti a ricorrere ad una forma di protesta, estrema e civile, per difendere il sistema universitario romano, un patrimonio culturale ed economico della nostra comunita’ che e’ anche parte integrante del modello di sviluppo romano. Tenere le sessioni d’esame all’aperto o nelle ore notturne e’ di certo un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica senza interrompere l’attivita’ didattica”.

La Provincia di Roma si esprime favorevolmente sulla manifestazione degli studenti e docenti in merito alle sessioni notturne e all’aperto degli esami.
“Voglio esprimere la mia solidarietà ai docenti e agli studenti della Sapienza che sono stati costretti a ricorrere ad una forma di protesta, estrema e civile, per difendere il sistema universitario romano, un patrimonio culturale ed economico della nostra comunità che è anche parte integrante del modello di sviluppo romano. Tenere le sessioni d’esame all’aperto o nelle ore notturne è di certo un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica, senza interrompere l’attività didattica”.
Lo afferma in un comunicato Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma. “Come rappresentante delle istituzioni mi sento di essere al loro fianco. Credo infatti che, soprattutto a Roma e nell’area metropolitana, non si possa accettare supinamente l’evidente penalizzazione a cui le nostre università sono sottoposte. Tagliare risorse alla formazione come sta facendo il Governo – conclude Zingaretti – significa sottrarre ai nostri giovani i mezzi per lavorare e per affrontare la crisi economica”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il no di Scienze Politiche a Macerata

Next Article

Lab biologico-chimico a Coppito (Univ. L'Aquila)

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.