La Gelmini rassicura sulle novità della scuola

scuola.jpgGenitori di figli in età scolare, niente paura: “Il tempo pieno verrà almeno confermato nelle scuole elementari dove già è praticato. Gli organici sono stati già fissati per consentire 27 ore a settimana nella prima classe e 30 dalla seconda alla quinta della scuola primaria. I soldi per i corsi di recupero ci sono: quasi 250 milioni di euro, una dotazione alle scuole più o meno uguale a quella dei due anni trascorsi”. Parola del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini in un’intervista al quotidiano “La Repubblica”, che getta acqua sul fuoco delle polemiche divampate intorno alle preiscrizioni scolastiche.
Condotta e famiglie. Quanto al 5 in condotta, Gelmini sottolinea che: “A breve verrà emanato il regolamento che delega all’autonomia degli istituti, cioè ai consigli di classe, la decisione di sanzionare con il 5 in condotta e quindi bocciare gli studenti che si sono resi responsabili di atti gravi a scuola. Da troppo tempo i comportamenti degli alunni sono considerati secondari. È giunto il momento di ridare dignità alla scuola e ai docenti, coinvolgendo le famiglie”.
Responsabilità condivise. La numero uno di Viale Trastevere tiene a precisare che: “Il compito spetta alle singole scuole, alla loro autonoma decisione: sarà il consiglio di classe a valutare, oltre ai livelli di apprendimento, anche il rispetto delle regole di convivenza dello studente”.
Due miliardi per il Sud. Focalizzando l’attenzione sullo stato in cui versano le scuole del Mezzogiorno – in un’intervista rilasciata al “Mattino” di Napoli – la Gelmini aggiunge che alle scuole del Sud “sono destinati circa 2 miliardi di euro dei Fondi strutturali europei per il periodo 2007/2013. Con questi fondi puntiamo a migliorare il sistema scolastico del Mezzogiorno, ad assicurare la sicurezza degli edifici scolastici, a ridurre la dispersione scolastica, ad aumentare le dotazioni informatiche per le scuole, a sviluppare l’educazione degli adulti e a favorire il passaggio dalla scuola al mondo del lavoro, così come previsto dalla strategia di Lisbona”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aperte le iscrizioni al corso di fotografia IER

Next Article

L’emorragia delle matricole

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.