Il lavoro dei sogni con la Nasa: 18 mila dollari per stare sdraiati a letto e fumare cannabis per 70 giorni

Stare sdraiati a letto per 70 giorni senza dover fare nulla se non leggere, rilassarsi, fumare un po’ di cannabis ed essere persino pagati 18 mila dollari per farlo: è il lavoro proposto dalla NASA nell’ambito del suo programma di ricerca Bed Test Studies.
Il progetto mira a studiare  i benefici e gli effetti negativi dell’inattività e dello scarso movimento sul corpo umano così da sviluppare soluzioni utili agli astronauti. Le ridotte attività fisiche, infatti, serviranno a simulare le condizioni a gravità zero cui sono sottoposti uomini e donne durante le lunghe permanenze a bordo delle stazioni spaziali.
I soggetti selezionati per il progetto Bed Test Studies verranno divisi in due gruppi: al primo verrà richiesto di stare il più possibile a pancia in giù sul proprio letto e di fumare sistematicamente cannabis in modo da favorire il rilassamento muscolare e ricreare così condizioni simili a quelle a gravità zero. Al secondo gruppo, invece, verrà semplicemente richiesto di stare più a proprio agio possibile sul letto.
I ricercatori della Nasa potranno così indagare i cambiamenti che intervengono nell’organismo in seguito a una posizione fissa perdurante (da sdraiati, appunto) a livello cardio-circolatorio e muscolo-scheletrico.
I “fortunati” che verranno testati, oltre a potersi rilassare su un letto per i prossimi 70 giorni, fumando regolarmente cannabis, riceveranno un pagamento di circa 18 mila dollari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 01 marzo

Next Article

“Scuola: Spazio al tuo futuro”, il progetto che porta la tecnologia aerospaziale nelle aule

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.
Leggi di più

Balli, tutorial e meme: ecco i nonni social che sbancano Tik Tok. “Cercati dalle aziende come i veri influencer”

Gli ospiti di una residenza per anziani di Carpi, in provincia di Modena, sono diventati star del popolare social network seguitissimo dai giovanissimi. I loro video raggiungono quasi 500mila persone e stanno spingendo le aziende specializzate nella vendita di prodotti per la terza età a contattarli per avviare delle sponsorizzazioni.