Lavorare stanca e lo stipendio non consola

Molti ne sono alla ricerca, ma tirate le somme il guadagno è veramente poco. Conti alla mano la busta paga degli italiani risulterebbe tra le “peggiori” rispetto a quelle dei grandi Paesi industrializzati. Il ritratto proviene dal Rapporto Ocse, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economico, che su 30 Paesi situa l’Italia al 23/o posto.
Ma il “soldo” non è tutto. Note dolenti provengono anche sul piano della soddisfazione personale. Il lavoro in Italia sembrerebbe non pagare non solo da un punto di vista economico, ma anche mentale. Per gli italiani il lavoro non solo stanca, ma stressa.
Oltre nove milioni sono i lavoratori che soffrono di stress legato al proprio mestiere. È quanto emerge da uno studio di Scs Consulting, società di consulenza strategica attiva nel settore della valorizzazione delle risorse umane, secondo cui in Italia sono i professionisti (40%) a primeggiare nella classifica.
Si tratta di dati, secondo gli estensori della ricerca di cui è stata diffusa una sintesi, decisamente peggiore rispetto a ciò che avviene in altre nazioni: in Gran Bretagna la percentuale di stressati è pari al 27% del totale della forza lavoro, in Germania è il 25% e in Francia il 24%, mentre la media europea è del 22%.
E mentre il titolare del Welfare Maurizio Sacconi non ci sta a farsi accollare le responsabilità dei bassi salari italiani, la società di consulenza snocciola le prime cause dello stress. Niente paura, secondo lo studio ai primi posti ci sarebbero l’intensificazione del lavoro, lo scarso tempo libero da dedicare alla vita privata e il precariato. Solo a seguire la retribuzione monetaria.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Laboratorio congiunto targato Unifi-ASA

Next Article

Torino, bilancio del G8 delle università

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.