Laboratorio congiunto targato Unifi-ASA

Nasce il Laboratorio Congiunto tra il Dipartimento di Fisiopatologia Clinica della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’ateneo fiorentino e ASA, industria vicentina produttrice di dispositivi medici per laserterapia e magnetoterapia: un importante accordo per sancire l’impegno del ‘privato’ nella ricerca e nell’innovazione tramite il ‘pubblico’. L’intesa rafforza la cooperazione tra il mondo universitario e quello dell’impresa e favorisce una efficace integrazione e un coordinamento nell’approfondimento delle tematiche della biologia degli stress fisici.
Il Laboratorio Congiunto avrà come responsabili: i professori Antonio Conti e Franco Fusi per l’ateneo gigliato e la dottoressa Monica Monici per ASA; incentrerà la sua ricerca principalmente nello studio, a livello cellulare, della biologia degli stress di tipo fisico (cioè stimoli luminosi, meccanici, elettromagnetici) per ottenere nuovi metodi e tecnologie terapeutiche, a beneficio di chi soffre di patologie dolorose, ma anche nel campo della rigenerazione e bioingegneria dei tessuti.
Molto soddisfatto Roberto Marchesini, dg di ASA, che ha dichiarato: “Finora ci siamo concentrati principalmente nell’ambito della biologia degli stress fisici, un campo di studi innovativi che, negli ultimi anni, ha visto una rapida evoluzione e una sorprendente crescita. Precedenti collaborazioni tra DFC ed ASA su attività di studio e ricerca hanno portato alla pubblicazione di numerosi articoli su riviste scientifiche internazionali specializzate ed alla produzione di materiale estremamente aggiornato per la formazione in ambito biomedico; il Laboratorio Congiunto è la naturale prosecuzione di questa attività e confidiamo dia frutti ancora più corposi”.
La dottoressa Monici ha precisato che attualmente il Laboratorio Congiunto è coinvolto in due importanti progetti di ricerca: uno seguito dal professor Fusi e riguardante l’utilizzo di nanoparticelle d’oro in ambito diagnostico e terapeutico, finanziato dalla Fondazione Ricerca e Innovazione dell’ateneo fiorentino; l’altro, seguito dalla stessa dottoressa Monici e riguardante l’effetto della mancanza di stimoli meccanici su alcune funzioni dell’organismo umano, approvato dall’Agenzia Spaziale Europea.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage per l'assunzionea Perugia

Next Article

Lavorare stanca e lo stipendio non consola

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".