Il figlio bamboccione di mamma orca

Una ricerca condotta nelle università inglesi di Exter e York ha rivelato che i figli maschi delle orche crescono proprio come dei bamboccioni, costantemente bisognosi delle cure della mamma anche in età adulta. Pena, la sopravvivenza.

Una ricerca condotta nelle università inglesi di Exter e York ha rivelato che i figli maschi delle orche crescono proprio come dei bamboccioni, costantemente bisognosi delle cure della mamma anche in età adulta. Pena, la sopravvivenza.

E’ proprio per questo motivo che mamma orca smette di partorire cuccioli molto presto, tanto da continuare a vivere a lungo anche quando non sono più in grado di generare figli.

Le femmine di orca possono vivere fino a 90 anni smettendo di riprodursi tra i 30 e 40 anni. Lo studio spiega inoltre che se i maschi che hanno più di 30 anni perdono la madre, hanno ben 14 volte più probabilità di morire entro un anno rispetto a quelli che hanno ancora la mamma, proprio come alcuni maschi del Bel Paese.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al via l'anno scolastico, Profumo promette: "Interventi edilizi e rivoluzione informatica"

Next Article

Prima dei Raadiohead l'orso della discordia di Greenpeace

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".