Il Corriere risponde: cosa fare se i corsi non partiranno?

In seguito alle tante domande inviateci dai lettori sull’attivazione dei tirocini formativi finalizzati all’insegnamento della scuola secondaria di primo grado abbiamo ritenuto importante sottolineare alcuni aspetti.

In seguito alle tante domande inviateci dai lettori sull’attivazione dei tirocini formativi finalizzati all’insegnamento della scuola secondaria di primo grado abbiamo ritenuto importante sottolineare alcuni aspetti. I percorsi formativi per l’insegnamento nella scuola secondaria di primo grado, comprendono: sia il conseguimento della laurea magistrale a numero programmato con prova di accesso al relativo corso sia lo svolgimento del tirocinio formativo attivo comprensivo dell’esame con valore abilitante. Ad oggi però le università non si sono ancora attivate in questo senso e le riforma della scuola sembra in parte essere stata congelata.
A tutti i lettori orientati all’insegnamento che ci chiedono se è meglio iscriversi alla magistrale del proprio settore didattico-disciplinare o rimanere in attesa dell’attivazione del percorso formativo della magistrale per l’insegnamento riteniamo doveroso consigliarli quanto segue: in merito alle nostre ricerche, possiamo affermare con sicurezza che al momento non è stata attivato alcun percorso formativo per avviare la magistrale di insegnamento. Pertanto, chiunque quest’anno si iscriverà alla laurea magistrale del proprio settore, al termine del ciclo degli studi, dovrà seguire solo il tirocinio formativo attivo. Come indicato nel comma 1, art. 15 del regolamento: ”
Conseguono l’abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado, mediante il compimento del solo tirocinio formativo attivo di cui all’articolo 10: a) coloro che alla data di entrata in vigore del presente regolamento sono in possesso dei requisiti previsti dal decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 9 febbraio 2005, n. 22, per l’accesso alle Scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario e i possessori di laurea magistrale che, secondo l’allegato 2 al decreto del Ministro dell’università e della ricerca del 26 luglio 2007 e
successive modifiche ed integrazioni, è corrispondente ad una delle lauree specialistiche cui fa riferimento il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 9 febbraio 2005, n. 22″. Per leggere l’intero regolamento vi rimandiamo a questo link: www.anfis.eu.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La capitale guarda ai fuorisede

Next Article

Au, Volpi: “diritto allo studio per fronteggiare i tagli”

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.