Il 17 novembre napoletano

Da Napoli un coro intonato per una buona istruzione in università che siano pubbliche e antifasciste.

17 novembre 1939. Una data tristemente nota per la strage di più di 1000 studenti cecoslovacchi che si opposero alla guerra. Da diversi anni questa giornata è diventata proprio “La Giornata dello studente”, un momento per scendere in piazza e far valere le proprie ragioni, i propri diritti.

Anche Napoli come gli scorsi anni ha preso parte alla giornata organizzando un corteo che ha visto coinvolti studenti delle scuole medie, superiori e delle università.

Da Piazza Mazzini passando per Corso Umberto con una lunga sosta davanti alla sede centrale della Federico II, il corteo si è diretto verso Piazza Borsa. Un coro intonato, un unico obiettivo, quello di poter godere di una buona istruzione in università che siano pubbliche e antifasciste.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fds. Mobilitazione dei giovani

Next Article

Appello per il prof. De Lalla

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident