I videogiochi sono una cosa seria

I maghi dei videogames nasceranno a Verona. Qui l’Università ha promosso un master in Computer Games Development che si propone di sfornare i professionisti dalle cui menti usciranno i videogiochi di domani. Quello dei videogames in Italia è un comparto che fattura circa un miliardo di euro l’anno, avendo raddoppiato in tre anni il proprio valore, e che è alla ricerca di nuove figure professionali.
Il nuovo master per lo sviluppo dei videogiochi, promosso dalla facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell’ateneo scaligero, diretto dal professor Andrea Fusiello, è unico in Italia nel suo genere. L’Italia, secondo l’Aesvi (Associazione Editori Software Videoludico Italiana) è al terzo posto nella graduatoria dei Paesi con i trend di sviluppo più dinamici nel settore.
«Il mondo dei videogiochi è in rapida espansione e sta conquistando frontiere fino a pochi anni fa sconosciute – spiega Fusiello -. In breve tempo è divenuta una realtà ricca di sfaccettature e contaminazioni, che vanno dal cinema alle nuove sinergie con l’industria cinematografica e discografica. Intere squadre di programmatori, grafici, designer, tecnici del suono e produttori si dedicano a questo tipo di progetto». Il master, della durata di un anno, partirà il 16 ottobre 2009; le iscrizioni si chiuderanno il 19 settembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lidl apre le selezioni per nuovo personale

Next Article

Numero chiuso: l'Aiga promuove la Gelmini

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.