Greenpeace cerca dialogatori per l'ambiente

Greenpeace è uno dei più grandi movimenti ambientalisti del mondo, con circa tre milioni e mezzo di sostenitori, indipendente da qualsiasi partito politico; si finanzia esclusivamente con il contributo di singoli individui che ne condividono gli ideali e la missione.
Greenpeace cerca giovani da inserire nell’organico di Roma come dialogatori; i candidati dovranno avere ottime doti comunicative, forte motivazione personale ai temi ambientali e capacità di lavorare in gruppo. Sarà valutato come requisito preferenziale l’aver maturato precedenti esperienze come dialogatore, promoter o venditore.
Il dialogo diretto è un’attività che tutela l’indipendenza di Greenpeace, perché ha lo scopo di motivare singoli cittadini a sostenere le attività dell’associazione. I dialogatori di Greenpeace hanno il ruolo di incontrare le persone in luoghi con forte affluenza, come piazze, centri commerciali, concerti e fiere a tema.
Entrando nel team Greenpeace si riceverà formazione continua e affiancamento, in aula e “on the job”, per sviluppare le capacità e abilità relazionali e di comunicazione. È previsto un contratto di collaborazione, e una buona possibilità di guadagno, composta da fisso più incentivi.
Per candidarsi all’offerta è necessario consultare il sito www.greenpeace.org/italy/lavora-con-noi/dialogo-diretto

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fulbright/best 2009, parte la III edizione

Next Article

Energia pulita, futuro migliore

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.