Fulbright/best 2009, parte la III edizione

fulbright.gifQuindici borse da 36.000 euro per volare in America. Il trampolino di lancio è il Politecnico di Milano, dove martedì 13 gennaio sarà presentata la terza edizione del programma Fulbright/best. Ospite nell’aula magna del Politecnico l’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia Ronald Spogli.
L’ambasciatore darà l’avvio ufficiale alla terza campagna di selezione e di raccolta fondi per reclutare i migliori candidati che parteciperanno all’edizione 2009 del programma.
La borsa best vale circa 36.000 euro per ciascun assegnatario. Quest’anno ne saranno messe a disposizione più di 15 con l’obiettivo di aiutare giovani laureati e laureandi italiani in discipline scientifiche a diventare imprenditori di se stessi.
I partecipanti selezionati nel 2009 si recheranno negli Stati Uniti per un periodo di studio/lavoro durante il quale potranno vivere in prima persona l’esperienza del fare impresa in America. I borsisti avranno la possibilità di risiedere a Silicon Valley e frequentare corsi universitari su innovazione tecnologica, marketing, finanza e imprenditorialità, presso la Santa Clara University. Svolgeranno, inoltre, uno stage presso aziende ad alto potenziale di crescita.
I partecipanti saranno invitati a iniziative di networking promosse dalle università di Stanford e Berkeley e da gruppi di businessman americani e italiani operanti in California.
Ulteriori informazioni al sito https://www.fulbright.it/ITA/fulbright_best.asp

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Perugia apre alla ricerca

Next Article

Greenpeace cerca dialogatori per l'ambiente

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.