Graduate Training Program per una formazione al top

IBM, azienda leader nel settore It, sta avviando in questi giorni le selezioni per scegliere i giovani che parteciperanno al “Graduate Training Program 2008”, ovvero un periodo di formazione che permetterà alle nuove leve di lavorare al fianco dei professionisti nel settore e di prepararsi a un futuro in azienda.

I candidati selezionati seguiranno 8 mesi di formazione intensa che include formazione in aula anche all’estero, e-learning, mentoring e comunity sharing su temi legati al business. Successivamente saranno inseriti in specifiche aree di business consulenziali ed affiancheranno professionisti IBM con un’attività di training on the job.
Avranno inoltre un “mentor” assegnato che li supporterà ad applicare nell’attività quotidiana i concetti e le teorie apprese in aula. I candidati ideali sono neolaureati da non più di 15 mesi in discipline tecnico-scientifiche o economiche, hanno un’ottima conoscenza della lingua inglese (indispensabile in quanto il corso di formazione si svolgerà in lingua), hanno una particolare predisposizione ai rapporti interpersonali e forte interesse per le tematiche legate all’innovazione.
L’offerta prevede in totale un contratto di 24 mesi (di cui 8, appunto, solo di formazione). Per ulteriori dettagli sull’opportunità e per inviare le candidature si può consultare il sito www.ibm.com/start/it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

My Chef offre posti nei ristoranti degli aeroporti

Next Article

Otto magnifici per la Sapienza

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.