Gli studenti lanciano la petizione per tutelare diritti e qualità formativa nel semestre di pratica forense

La discussione sul semestre anticipato di pratica forense si è arenata ad una bozza di convenzione tra Consiglio Nazionale Forense e Conferenza dei Presidi e Direttori di Giurisprudenza contenente numerose criticità. L’Unione degli Studenti, però, rilancia, attivando una petizione per tutelare i diritti e la qualità formativa nel semestre anticipato di pratica forense.

“Come Unione degli Universitari crediamo sia indispensabile l’istituzione di un tavolo con rappresentanti del Ministero, dell’Ordine, dei Presidi e delle rappresentanze studentesche per definire il decreto sulle modalità di svolgimento della pratica anticipata” – commentano in una nota al Corriere dell’Università.

“Dopo mesi in cui la discussione sul semestre di pratica forense anticipato si è arenata, abbiamo ritenuto necessario lanciare una petizione con la quale chiediamo venga ripresa la discussione, coinvolgendo gli studenti che finora sono stati esclusi, soprattutto considerate le criticità della prima bozza di convenzione tra Consiglio Nazionale Forense e Conferenza dei Presidi e Direttori di Giurisprudenza, in cui vi era una totale assenza di tutele per i praticanti – dichiara Gianluca Scuccimarra Coordinatore dell’Unione degli Universitari.  Chiediamo che il Ministro Orlando istituisca un tavolo di confronto tra rappresentanti della Conferenza dei Presidi e Direttori di Giurisprudenza, del Consiglio Nazionale Forense, del Consiglio Nazionale degli studenti universitari e del Ministero stesso affinché vengano determinate le modalità di tirocinio.”

“Con questa petizione non chiediamo solo di riaprire una discussione bloccata da mesi, ma chiediamo innanzitutto il riconoscimento di tutele e diritti basilari per gli studenti che saranno impegnati nel semestre di pratica anticipato, in particolare: libero accesso per tutti gli studenti dell’ultimo anno di Giurisprudenza,  idoneo rimborso per le spese sostenute durante la pratica,  divieto assegnazione compiti di segreteria, definizione di un progetto formativo chiaro che sia compatibile con le esigenze didattiche, percorsi formativi pratici all’interno del corso di studio” conclude Scuccimarra.

“I tempi sono stretti, la possibilità infatti di anticipare il praticantato è prevista per legge dal 2015, vogliamo che questo diritto sia concretamente riconosciuto agli studenti, con un percorso di qualità, tutelato e aperto a tutti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Tevere come non si è mai visto

Next Article

Pagelle alle insegnanti: scoppia il caso a Verona

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.