Gli studenti contestano il Decreto Ministeriale della Carrozza: “Inutile e confusionario”

BONUS MATURITA'

BONUS MATURITA’ – L’ UDU contraria al nuovo DM della Carrozza: questa in sintesi la posizione del sindacato studentesco. “Dopo la notizia del rinvio dei test- spiega Michele  Orezzi, Coordinatore nazionale del sindacato studentesco- eravamo convinti che si fosse aperta un’importante speranza per correggere, tutti insieme, le assurdità dettate dal precedente DM del Ministro Profumo. Delusi, non possiamo che costatare che così non è stato, sbagliando metodo e merito, e si è sprecata una grande occasione”.

“Per noi l’iter delle modifiche doveva essere condiviso con gli studenti: non un nuovo decreto, ancor più confusionario che non va a risolvere i nodi centrali: primo tra tutti il bonus di maturità. In più occasioni il Ministro e altre persone del MIUR hanno detto sulla stampa in questi giorni che il bonus era impossibile da congelare per questo anno: non è così, basta un Consiglio dei Ministri. Evidentemente non c’è la volontà politica e si sta decidendo ancora una volta di far pagare, sulla pelle degli studenti, scelte prese dall’alto da chi non capisce i nostri bisogni.”

Conclude il Coordinatore Nazionale dell’ Unione degli Universitari: ” Proveremo in tutti i modi possibili a fermare un test che rischia di essere un grande boomerang per gli studenti e di creare disparità e classifiche finali stravolte. Non basta una commissione di Professori per il futuro: c’è da risolvere i problemi del presente degli studenti che devo sostenere il test a settembre e per il futuro è necessario aprire un tavolo per superare il numero chiuso: non di soli professori, ma è indispensabile la voce degli studenti, quelli che vivono davvero la realtà aberrante della selezione prima dell’ingresso”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I social network ci rendono più narcisisti

Next Article

A lezione di musica: pappagallo canta a ritmo di swing

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".