I social network ci rendono più narcisisti

Social Network

Social Network – I ragazzi vogliono diffondere la loro opinione, mentre gli adulti puntano a rinforzare il proprio ego e a controllare la percezione degli altri.

I social network, come Facebook e Twitter sono un ‘terreno di gioco’ per persone narcisiste, ma gli strumenti di ‘autopromozione’ vengono usati differentemente dalle diverse generazioni.

Queste le conclusioni di uno studio realizzato dall’universita’ del Michigan, guidato da Elliot Panek, sul tema. Lo scopo iniziale dei ricercatori era valutare i comportamenti narcisistici verificando i tempi passati a pubblicare, leggere e commentare.

Per farlo hanno diviso i volontari in due gruppi: il primo costituito da 486 studenti di 19 anni in media; il secondo formato da 93 persone di 35 anni di media. Tutti hanno risposto a un questionario. Si e’ osservato cosi’ che i soggetti risultati piu’ narcisisti tra i ragazzi usavano piu’ frequentemente twitter, mentre tra gli adulti i supernarcisisti’ preferivano faceebook.

Gli studenti universitari usano i ‘cinguettii’ soprattutto per far conoscere il loro punto di vista, spesso sopravvalutato, nel Cyber spazio. Twitter e’ usato dai ragazzi anche per allargare il cerchio delle amicizie e diffondere la propria opinione.

Per gli adulti narcisisti, invece, la preferenza di Facebook e’ legata alla possibilita’ di vedere come reagiscono gli altri rispetto all’immagine proposta e serve, in sostanza, da specchio ingigantito. Inoltre per le persone di media eta’ Facebook e Twitter servono a controllare l’approvazione di chi e’ gia’ nel loro gruppo sociale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orrore in Sicilia, baby-gang infilza tubo al collo di una cagnetta

Next Article

Gli studenti contestano il Decreto Ministeriale della Carrozza: "Inutile e confusionario"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.