Gli effetti della pandemia sull’occupazione femminile

La pandemia ha avuto un impatto devastante con un tasso di occupazione femminile che in Italia è precipitato al 48,6%

Più della metà di coloro che hanno perso il lavoro nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria sono donne. La pandemia ha avuto un impatto devastante con un tasso di occupazione femminile che in Italia è precipitato al 48,6%, secondo i dati ISTAT.
L’emergenza da Covid-19 nel corso dell’anno 2020 ha avuto notevoli effetti sul mercato del lavoro, dove si sono esasperate le criticità e le disuguaglianze già esistenti. Il World Economic Forum ha calcolato che dal 2006 ad oggi, le differenze economiche di genere si sono ridotte solo del 2,5%.

L’ISTAT riporta che dei 622mila posti di lavoro persi nel corso del 2020, il 55% era occupato da donne. Il gender gap inoltre permane anche riguardo alle lavoratrici, che avendo perso il lavoro hanno cercato una nuova occupazione. Solo il 42% ha infatti trovato un nuovo posto tra maggio e settembre dello stesso anno.

Ad aggravare la situazione di disuguaglianza evidenziata dalla pandemia, è anche il divario nelle competenze tecniche, che si è creato negli anni tra uomini e donne.
Nell’era 4.0 sono i profili STEM i più richiesti dalle aziende e sono quelli quelli più frequentemente scelti dal genere maschile. Le donne oggi occupate in ambito ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione) sono ancora troppo poche.

La società post-pandemica necessita di politiche innovative capaci di offrire nuove opportunità professionali alle donne. La trasformazione digitale diventa perciò un’occasione per ridurre il gender gap, incentivando l’occupazione femminile.
Per offrire nuove opportunità lavorative alle donne sarà quindi necessario ripensare ad una formazione scolastica e tecnica omogenea rivolta alle ragazze e ai ragazzi, che superi gli stereotipi di genere.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un nuovo corso di design che unisce Parma e Torino

Next Article

Dalla prossima sessione estiva ritorneranno le lauree in presenza

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.